MARTEDÌ , 17 ottobre 2017
Flash News 24
Flash
CAMORRA - IL CONTABILE DEGLI AMATO-PAGANO
Prima i conti del clan ora quelli con la giustizia, Peppe 'o polpaccio stanato dopo 20 giorni di latitanza
di Matteo Giuliani

NAPOLI. Con l'arresto di Giuseppe Cipressa, stanato ieri mattina a Recale, in provincia di Caserta, si può considerare chiusa l'operazione che ha tagliato il lato affaristico degli Amato-Pagano. Il clan operante tra Melito e Mugnano nel corso del blitz del 26 gennaio scorso ha subito un forte contraccolpo, forse quello più duro dopo gli arresti di Lello Amato e Cesare Pagano, operazione nella quale lo stesso Cipressa riuscì a sottrarsi all'arresto. Caiazza, Mauriello e i fratelli Caiazza, finiti in manette nell'operazione tra Afragola, Melito e Scampia, hanno occupato il ruolo di capi piazza a Melito tra il 2015 e il 2016, agli ordini della donna boss Rosaria Pagano, considerata la mente del clan dopo l'incarcerazione dei due capi famiglia. Zia Rosaria, così come era conosciuta, si è circondata di persone fidate e tra queste c'era anche lo stesso Giuseppe Cipressa, detto 'o polpaccio' e diventato, dopo la sua scarcerazione dopo aver scontato 9 anni di reclusione, il contabile degli affari del clan, prima alle dipendenze di Pietro Caiazza, poi a quelle di Ciro Mauriello.





17/02/2017
Inserisci un commento utilizzando l'account di InterNapoli.it
Nome Utente
Password
 
 
Più Letti

Dal 2000 è il primo quotidiano on-line dell'area nord di Napoli, fondato da Aniello Di Nardo
a cura di:

Edizione N.290 Anno 14
MARTEDÌ , 17 ottobre 2017
Registrazione al Tribunale di Napoli Nr.98 del 26/10/2004
Direttore responsabile: Sergio Pacilio
Contatti:
Via San Francesco a Patria, 47 (1° Piano)
80014 - Giugliano in Campania (NA)
Tel./Fax. (clicca qui)
E-mail: redazione@internapoli.it
Facebook
Twitter
iOS App
Android App
Google Plus
Flipboard
YouTube