MERCOLEDÌ , 16 agosto 2017
Flash News 24
Flash
IL PROGRAMMA TELEVISIVO
Torna la coppia che ci ha fatto morire dal ridere, a Made in Sud Lino D'Angiò e Alain De Luca
di REDAZIONE

INTERNAPOLI. D'Angiò e De Luca, dove eravamo rimasti? La coppia che fece epoca con «Telegaribaldi» torna in pista vent'anni dopo con un nuovo programma tv su un'emittente privata campana, Più Enne, canale 17. Una reunion richiesta dai fans della prima ora dello show tv di Teleoggi che lanciò una seriedi comici, da Alessandro Siani a Rosalia Porcaro, dai Ditelo Voi a Antonio & Michele.

Lino e Alan si separarono dopo alcuni anni, ma il riavvicinamento degli ultimi tempi, con D'Angiò ospite del teatro bonsai di De Luca a Santa Maria La Nova, lasciava presagire un progetto comune. Ed infatti ecco «Made in China», striscia quotidiana di 25 minuti in onda dal lunedì al giovedì alle 20, a partire dal 27 marzo. E poi in replica il venerdì con le quattro puntate proposte tutte in fila alle 21. Il tutto fino ad inizio giugno. Dunque si riparte, D'Angiò? «C'è voluto un po' di tempo ma ce l'abbiamo fatta. Abbiamo scoperto di divertirci ancora insieme, il feeling è sempre inalterato e il connubio funziona, come se vent'anni non fossero mai passati. Ma rifare Telegaribaldi oggi non avrebbe avuto senso, però abbiamo conservato l'atmosfera da programma tv abusivo, da scantinato. E stavolta è davvero tutto autoprodotto: Più Enne ci ospita e basta, io ho una mia struttura televisiva autonoma per produrre il programma. Viviamo sugli sponsor e su coloro che credono in noi». Ecco quindi «Made in China». Come nasce l'idea? «Siamo sommersi ormai dal mercato cinese che sta pure ribaltando certe antiche regole: sono tanti gli italiani che lavorano al soldo dei cinesi nei negozi, mentre molte delle etichette Made in Italy sono in realtà pericolosamente pezzotte. Ad esempio, a Salerno vengono scaricati container di pomodori cinesi che dopo essere stati lavorati qui, vengono messi sul mercato come prodotto italiano. Il problema è che in Cina ci sono regole diverse sui pesticidi e quindi con possibili problemi alla nostra salute». Dunque c'è anche denuncia: come avete riportato tutto ciò nel programma tv?

«Con uno stratagemma e scherzandoci su, che è il nostro mestiere. Ci siamo inventati di essere stati contattati da un produttore tv, Wang Ki Song, che sta per Ua' chi song. Insomma la tv ha un capo cinese e noi siamo suoi dipendenti, quindi in divisa cinese, capellino, lanterna. E dallo studio lanciamo una serie di servizi per salvaguardare i nostri prodotti dall'invasione cinese. Sappiamo che il tema è tra l'altro anche al centro del primo film da regista di Simone Schettino che uscirà presto e siamo felici di poter fare squadra e interagire con lui». A «Telegaribaldi» c'erano Bassolindo e company. Stavolta su chi puntate? «Tra i miei personaggi ci sono Aurelio De Laurentiis, il presidente De Luca, il sindaco de Magistris, Maurizio Sarri e anche una new entry come Maurizio De Giovanni. Alan, oltre ad entrare nei panni dell'inossidabile Guardascione, sta preparando delle novità: un giornalista sportivo facilmente riconoscibile e un duetto padre-figlio. Ma ci saranno anche tanti ospiti che rivedremo dal nostro videocitofono, che ha fatto scuola. Il programma avrà una vita propria sul web e il pubblico da casa potrà interagire con noi».

20/03/2017
Inserisci un commento utilizzando l'account di InterNapoli.it
Nome Utente
Password
 
 
Più Letti

Dal 2000 è il primo quotidiano on-line dell'area nord di Napoli, fondato da Aniello Di Nardo
a cura di:

Edizione N.228 Anno 14
MERCOLEDÌ , 16 agosto 2017
Registrazione al Tribunale di Napoli Nr.98 del 26/10/2004
Direttore responsabile: Sergio Pacilio
Contatti:
Via San Francesco a Patria, 47 (1° Piano)
80014 - Giugliano in Campania (NA)
Tel./Fax. (clicca qui)
E-mail: redazione@internapoli.it
Facebook
Twitter
iOS App
Android App
Google Plus
Flipboard
YouTube