DOMENICA , 24 settembre 2017
Flash News 24
Flash
IL RETROSCENA DI CAMORRA
«Vi uccido le femmine e pur 'e criatur», le minacce del ras dei Carrisi alla famiglia di Peppe 'o Barone
di Saverio di Donato

MARANO. L'evoluzione criminale avvenuta a Marano nell'estate del 2015 anche se avvenuta sulla base di un patto di belligeranza tra i Polverino e gli Orlando non è stata esente da momenti di criticità nonchè da momenti di tensione vera e propria con provocazioni da parte degli Orlando nei confronti di Antonio Polverino del figlio Salvatore, del fratello Vincenzo e del nipote Crescenzo. Emblematiche sono le frasi di Ruggiero Salvatore, ormai in quota effettiva agli Orlando, il quale racconta un significativo episodio, mostrando anche una certa soddisfazione concordando con le azioni criminali minacciate da Lubrano Armando ritenendole giustificate: «Zi vincenzo te lo ha detto che ha detto vicino a quello...che se me ne devo andare da Marano ditemelo faccio le borse e me ne vado"…. ….“no dico quelli la di sopra, che figura di merda. Mo si vanno a mangiare pure la cosa, perchè Toratto li vuole conoscere. Giovedì o venerdi si vanno a mangiare una cosa..., perchè Toratto li vuole conoscere. Mò ha detto Vincenzo "ci dobbiamo fare una imbriacata"... vicino a o malomm e a Lorenzo ... (riferisce quanto detto dal Vincenzo) :"perchè poi fra buoni fratelli, quelli che siamo, quando uno si fa una imbriacata, stiamo nella ubriachezza pure se una parola che hai da dire, la dici... se ci dobbiamare dare a palate cos' per dirti che li diamo perchè ...diaciamo siamo fratelli. E tra di loro...alla fine si sono cagati sotto...“…segue il discorso.. “perchè Armando gli disse: Vi uccido le femmine e pure e criature». Si coglie da queste intercettazioni che il clan “Orlando” in particolare “Armando” (Lubrano Armando) aveva minacciato “vi uccido pure e ... le femmine e le creature” alcuni appartenenti alla famiglia “Polverino”, atteso che si fa esplicito riferimento al luogo di provenienza di questi ultimi “quelli di la sopra, che figura di merda”; aiutano l?esatta decriptazione anche il riferimento a “Toratto”, da identificarsi in Polverino Salvatore, figlio del latitante Polverino Antonio “zi Totonno” ed a Vincenzo, daidentificarsi verosimilmente in Polverino Vincenzo, fratello del latitante Polverino Antonio.



19/05/2017
Inserisci un commento utilizzando l'account di InterNapoli.it
Nome Utente
Password
 
 
Più Letti

Dal 2000 è il primo quotidiano on-line dell'area nord di Napoli, fondato da Aniello Di Nardo
a cura di:

Edizione N.267 Anno 14
DOMENICA , 24 settembre 2017
Registrazione al Tribunale di Napoli Nr.98 del 26/10/2004
Direttore responsabile: Sergio Pacilio
Contatti:
Via San Francesco a Patria, 47 (1° Piano)
80014 - Giugliano in Campania (NA)
Tel./Fax. (clicca qui)
E-mail: redazione@internapoli.it
Facebook
Twitter
iOS App
Android App
Google Plus
Flipboard
YouTube