MARTEDÌ , 17 ottobre 2017
Flash News 24
Flash
LA RICHIESTA
Campi da tennis a Qualiano, i consiglieri di opposizione chiedono un consiglio comunale urgente
di Antonio Sabbatino

QUALIANO. Questione completamento dei lavori ed affidamento campi da tennis, l’opposizione chiede la convocazione di un consiglio comunale «urgente» ad hoc. Ad inoltrare la richiesta sia al sindaco Ludovico De Luca che al presidente del consiglio comunale Domenico Marrazzo nonché al prefetto di Napoli Carmela Pagano, i membri della minoranza Giulio Cacciapuoti, Marianna Zara, Sabatino Franzese, Salvatore Onofaro, Raffaele De Leonardiis, Giuseppe Musella, Tommaso Picascia e Domenico Di Domenico. Il motivo, ricalca quello per il quale già nel recente passato c’è stato scontro politico con l’amministrazione: «Discutere una diversa modalità di completamento e gestione» dei campi da tennis, i cui lavori partirono nel 2015 mentre nel maggio 2016 vennero resi noti gli indirizzi programmatici per il completamento e la gestione di 9 anni dell’impianto, «evitando l’affidamento ad un soggetto privato, come previsto dal bando già pubblicato al fine di lasciare la gestione all’Ente comunale». In una nota congiunta i consiglieri di minoranza estensori della richiesta di convocazione del consiglio comunale affermano come «dall’analisi del testo della delibera n° 145 del 31.05.2016 si evince che ad oggi la struttura è costata alla collettività qualianese circa 700.000 euro per la realizzazione del manufatto oltre ad un milione e mezzo di euro per l’esproprio del terreno cosiddetto “Eredi Monaco” per un totale di circa 2.200.000,00.


In delibera si elencano ancora una serie di opere da fare per un importo che varia dai centotrenta ai centosessantamila euro, assolutamente irrisori rispetto alla cifra finora spesa dalla collettività e per questo ancora assolutamente sostenibile dalle casse comunali senza l’intervento di un privato che con un investimento di circa 150.000,00 euro andrà a gestire una struttura del valore di circa 2.500.000,00 di euro per nove anni». Per tale motivo l’opposizione chiede la «costituzione di una commissione consiliare per la valutazione della possibilità di costituire una azienda speciale ai sensi dell’Art. 113 bis del Testo Unico degli Enti Locali mantenendo il Comune la quota di maggioranza del 60% ed offrendo il 40% alle associazioni dilettantistiche presenti sul territorio» e «affidare la struttura alla costituenda azienda speciale ai sensi dell’art. 114 del Testo Unico degli Enti Locali, che avrà propria autonomia giuridica e patrimoniale». Due anni fa, quando ripartirono i lavori, il primo cittadino Ludovico De Luca affermò: «Abbiamo messo fine ad una delle storie più tristi che ha riguardato il nostro territorio. Il recupero dei campi da tennis è un altro obiettivo programmato e raggiunto da questa amministrazione e si va a sommare alla valorizzazione di tutte le strutture sportive della città. Attraverso piani di gestione degli impianti puntiamo a rendere la pratica sportiva una delle possibilità di impegno offerte ai giovani». Evidentemente, per le opposizioni, queste parole non sono sufficienti per considerare conclusa la vicenda.

11/10/2017
Inserisci un commento utilizzando l'account di InterNapoli.it
Nome Utente
Password
 
 
Più Letti

Dal 2000 è il primo quotidiano on-line dell'area nord di Napoli, fondato da Aniello Di Nardo
a cura di:

Edizione N.290 Anno 14
MARTEDÌ , 17 ottobre 2017
Registrazione al Tribunale di Napoli Nr.98 del 26/10/2004
Direttore responsabile: Sergio Pacilio
Contatti:
Via San Francesco a Patria, 47 (1° Piano)
80014 - Giugliano in Campania (NA)
Tel./Fax. (clicca qui)
E-mail: redazione@internapoli.it
Facebook
Twitter
iOS App
Android App
Google Plus
Flipboard
YouTube