DOMENICA , 19 novembre 2017
Flash News 24
Flash
CRONACA
Si suicidò dopo la pubblicazione online di foto sexy, oggi il marito chiede 1 milione di euro
di Irene Barbato

POZZUOLI. Si suicidò nel gennaio del 2015 per la pubblicazione delle sue foto osè online. La 40enne, vittima di tentata estorsione e diffamazione, lasciò il marito e due figli: oggi, i suoi familiari si costituiscono parte civile e chiedono un milione di euro di risarcimento.
Tutto iniziò su Facebook, quando la donna venne contattata da un certo 'Fabio Schiavone', 35 anni, titolare della ditta (poi scoperta essere inesistente) 'TechnologyShop Italia"; i due iniziano una conversazione, protratta nei giorni a seguire e che diviene sempre più intima, fin quando la donna cede alle richieste ed invia alcune fotografie personali, che la ritraggono in pose osè. E' allora che inizia l'incubo: l'uomo inizia a ricattarla, dicendole persino "dammi i soldi, oppure faccio vedere a tutti che donna sei, le spedisco a tuo marito". Ma la donna i soldi non li ha e, anche se li avesse, sa che il ricatto potrebbe durare per sempre; cerca di prendere tempo ma è troppo per il suo estorsore: le foto finiscono online. Non riuscendo a sopportare la vergogna, la donna si toglie la vita.


Dopo le indagini della Procura, si è scoperto che erano in due a nascondersi dietro quel falso profilo: Gennaro di Bonito ed Enza Iovinelli, 23enni di Pozzuoli. La coppia di fidanzati avrebbe architettato l'inganno ed ora è stata rinviata a giudizio per tentata estorsione, diffamazione aggravata, morte come conseguenza di altro reato e sostituzione di persona. Ad oggi il legale della famiglia, che si è costituita stamane parte civile, chiede un risarcimento danni pari a trecentomila euro per ogni membro, arrivando quasi a sfiorare il milione.

14/11/2017
Inserisci un commento utilizzando l'account di InterNapoli.it
Nome Utente
Password
 
 
Più Letti

Dal 2000 è il primo quotidiano on-line dell'area nord di Napoli, fondato da Aniello Di Nardo
a cura di:

Edizione N.323 Anno 14
DOMENICA , 19 novembre 2017
Registrazione al Tribunale di Napoli Nr.98 del 26/10/2004
Direttore responsabile: Sergio Pacilio
Contatti:
Via San Francesco a Patria, 47 (1° Piano)
80014 - Giugliano in Campania (NA)
Tel./Fax. (clicca qui)
E-mail: redazione@internapoli.it
Facebook
Twitter
iOS App
Android App
Google Plus
Flipboard
YouTube