GIOVEDÌ , 18 gennaio 2018
Flash News 24
Flash
IL RETROSCENA DI CAMORRA
«Aspettammo il figlio del boss per vendicarci», gli Amato-Pagano dalla finta pace coi maranesi alla spaccatura interna
di Stefano Di Bitonto

MELITO. Il primo a parlare dei rapporti intercorrenti tra Vanella Grassi e Amato-Pagano è stato Giovanni Illiano che in particolare ha raccontato di cosa accadde dopo l'uscita dal carcere di Amato jr e i finti buoni rapporti con Mariano Riccio. «Oltre a me c'erano altre persone che in attesa dell'uscita dal carcere di Raffaele Amato junior avevano deciso di avere un rapporto pacifico con Mariano Riccio come Francesco Ferro. Questo perché il Ferro è da sempre un uomo Amato, legato sia a Carmine che a Raffaele, anche se di più a quest'ultimo. Con Ferro, i Caiazza e Renato Napoleone, parlavamo sempre dell'uscita dal carcere di Lello jr...andavo d'accordo con Mariano, solo per fare gli interessi Amato ed attendere la vendetta....quando ci rendemmo conto che a Natale del 2011 Lello non sarebbe uscito dal carcere, eravamo comunque convinti che la scarcerazione sarebbe avvenuta in breve tempo. Ce lo diceva sia la Zia Rosaria omissis... Francesco Ferro fino alla fine della mia affiliazione al clan Amato-Pagano non era un killer bensì si occupava di droga, era il gestore della 219, quella vicina alla caserma dei carabinieri ossia quella della famiglia Amato-Pagano.

Sino a quando io ero libero, Ferro rispondeva a Gennaro Liguori e Cosimo Marino; nel periodo in cui ero latitante, ossia da gennaio 2012 a maggio 2012 accanto al Ferro ma in posizione inferiore si pose il fratello di Franco Bottino, di cui non conosco il nome né l'ho mai visto. Di questo fatto ho avuto notizia da Raffaele Teatro e poi da tale Carminiello che faceva la vedetta di notte nella 219, e che ha curato la mia latitanza - riporta Cronache della Campania - In particolare Teatro mi raccontò che, dopo che le forze dell'ordine avevano fatto irruzione a casa mia a Mugnano, senza trovarmi, per disposizione di Tequendò e Mariano, accanto a Francesco Francesco, detto Thuram era stato messo sulla 219 anche Franco Bottino, nonché il fratello di questi ma in condizione inferiore".



23/12/2017
Inserisci un commento utilizzando l'account di InterNapoli.it
Nome Utente
Password
 
 
Più Letti

Dal 2000 è il primo quotidiano on-line dell'area nord di Napoli, fondato da Aniello Di Nardo
a cura di:

Edizione N.18 Anno 15
GIOVEDÌ , 18 gennaio 2018
Registrazione al Tribunale di Napoli Nr.98 del 26/10/2004
Direttore responsabile: Sergio Pacilio
Contatti:
Via San Francesco a Patria, 47 (1° Piano)
80014 - Giugliano in Campania (NA)
Tel./Fax. (clicca qui)
E-mail: redazione@internapoli.it
Facebook
Twitter
iOS App
Android App
Google Plus
Flipboard
YouTube