MARTEDÌ , 16 gennaio 2018
Flash News 24
Flash
L'OSSERVAZIONE
Carceri affollate. Il 2018 comincia con una buona notizia per i detenuti: indulto ed amnistia le possibili soluzioni
di REDAZIONE

INTERNAPOLI. Le carceri italiane sono di nuovo sull'orlo del collasso: la popolazione carceraria, secondo la "capienza regolamentare", dovrebbe essere di 50.511, ma al 30 novembre 2017, sono i dati ufficiali dell'Amministrazione Penitenziaria (Dap), il numero dei reclusi era di 58.115. Vale a dire 7.604 unità in più rispetto alla regola. Proprio alcuni giorni fa, a proposito della riforma delle carceri, il ministro della Giustizia


Andrea Orlando aveva annunciato, in un'intervista a Repubblica, che "I testi dei decreti attuativi (della riforma, ndr) sono da settimane a Palazzo Chigi e credo che ci siano le condizioni per vararli prima di Natale: sarà all'ordine del giorno in uno dei prossimi Consigli dei Ministri".
Nella riforma - spiega il Guardasigilli - "viene valorizzato l'uso delle pene alternative durante l'esecuzione della condanna. Ma anche nel carcere si introduce maggiore responsabilizzazione: più occasioni di lavoro, di studio, di attività. Ma nello stesso tempo basta con gli automatismi: accedi agli sconti di pena e alle misure alternative solo se c'è un comportamento di responsabilità e segua percorsi di rieducazione".
Il ministro ha ragione, la rieducazione, il recupero del detenuto è uno snodo fondamentale per evitare che il recluso, una volta ottenuta la libertà, torni a commettere crimini. Ma è altrettanto vero che il sovraffollamento degli istituti penitenziari non favorisce il reinserimento di chi commette crimini, perchè in spazi ristretti qualsiasi attività mirata al recupero del detenuto ne risente e spesso chi viene rimesso in libertà grazie ai vari sconti di pena previsti dalla Legge Gozzini, torna a macchiarsi di reati a volte anche più gravi di quelli commessi. In altre parole da un lato bisognerebbe garantire la certezza della pena e dall'altro il funzionamento delle strutture chiamate a recuperare il detenuto e valutare se realmente possa accedere ai benefici della legge Gozzini e quindi riconquistarsi anticipatamente la libertà. "Il tasso di sovraffollamento - denuncia in un rapporto l'associazione Antigone - è al 113,2% e in alcune carceri si torna a scendere sotto lo spazio minimo previsto di 3 mq per detenuto". Non solo, "Nel 68% degli istituti da noi visitati in questi primi mesi del 2017 ci sono celle senza doccia (come invece richiesto dall’art. 7 del DPR 30 giugno 2000, n. 230), e solo in uno, a Lecce, e solo in alcune sezioni, è assicurata la separazione dei giovani adulti dagli adulti, come richiesto dall’art. 14 dell’Ordinamento penitenziario. Inoltre l’Italia è uno dei paesi dell’Unione Europea con il più basso numero di detenuti per agenti (in media 1,7), mentre ciò che manca sono gli educatori. A Busto Arsizio ce n’è uno ogni 196 detenuti e a Bologna uno ogni 139". Insomma è chiaro che in queste condizioni il carcere, visto non solo come luogo detentivo, ma anche come occasione per preparare il detenuto a una nuova vita, non può funzionare.
Le situazioni più drammatiche per il sovraffollamento dei reclusi, sempre in base ai dati del Dipartimento dell'Amministrazione Penitenziaria, sono in Lombardia che nei suoi 18 penitenziari ospita complessivamente 8.524 detenuti quando la capienza massima è di 6246; la Campania: 15 istituti con 7.321 detenuti (capienza massima di 6.135); il Lazio con i suoi 6.332 detenuti distribuiti in 14 carceri che potrebbero ospitare al massimo 5.258 persone; l'Emilia Romagna: con 10 strutture in cui sono ospitati 3.502 detenuti quando la "capienza regolamentare" ne prevede 2.811 e la Puglia con 3.400 detenuti rinchiusi in 11 penitenziari che potrebbero ospitarne al massimo 2.342.

03/01/2018
Inserisci un commento utilizzando l'account di InterNapoli.it
Nome Utente
Password
 
 
Più Letti

Dal 2000 è il primo quotidiano on-line dell'area nord di Napoli, fondato da Aniello Di Nardo
a cura di:

Edizione N.16 Anno 15
MARTEDÌ , 16 gennaio 2018
Registrazione al Tribunale di Napoli Nr.98 del 26/10/2004
Direttore responsabile: Sergio Pacilio
Contatti:
Via San Francesco a Patria, 47 (1° Piano)
80014 - Giugliano in Campania (NA)
Tel./Fax. (clicca qui)
E-mail: redazione@internapoli.it
Facebook
Twitter
iOS App
Android App
Google Plus
Flipboard
YouTube