GIOVEDÌ , 18 gennaio 2018
Flash News 24
Flash
POLITICA
Giugliano, doppia proposta di Basile: «Intitoliamo la Circumlago a Carlo III ed una strada a Pinelli»
di REDAZIONE

GIUGLIANO. Due proposte sono state presentate dal consigliere comunale di Fratelli d'Italia Vincenzo Basile al Presidente del Consiglio ed alla commissione toponomastica. La prima prevede l'intitolazione della Circumlago a Carlo III di Borbone. " La mia indicazione per intitolare la Circumlago al Re di Napoli Carlo di Borbone è dovuta al fatto che Carlo III, amante della caccia, aveva, tra gli altri siti di caccia, privilegiato nelle sue battute il lago Patria e Licola. Tale tradizione che ha legato l’area del lago Patria alla caccia è giunta fino a noi. Infatti tra gli interessi a cui teneva Re Carlo di Borbone erano la religione, la caccia, e i reperti archeologici. Carlo III di Borbone è stato un principe illuminato. A lui si deve la costruzione del Teatro San Carlo, della Palazzo reale di Caserta, chiamando il miglior architetto dell’epoca Vanvitelli, l’Albergo dei poveri, del Real sito di Portici, il Real sito di Capodimonte. A lui si deve lo sviluppo artistico del Presepe Napoletano, la cui tradizione è ancora oggi fonte di ispirazione artistica apprezzata in tutto il mondo. Fu un mecenate, riempendo i palazzi delle opere dei grandi pittori come Tiziano e Raffaello. Diede nuovo e decisivo impulso agli scavi di Pompei ed Ercolano. Grande impulso diede alla Università di Napoli, molti furono gli studiosi che vi si trasferirono. Napoli divenne il centro della cultura europea. Mi fermo qui. Ma su Carlo III di Borbone, che divenne poi Re di Spagna alla morte del fratello Ferdinado VI nel 1759, lasciando il regno di Napoli al figlio Ferdinando IV di Borbone, il Re lazzarone, si potrebbe continuare ancora per molte pagine per tutto quanto fece come Re di Napoli. Credo che intitolare la Circumlago al grande Re di Napoli, possa essere di buon auspicio per lo sviluppo dell’intera area". La seconda proposta è l'intitolazione di una piazza o una strada a Cosimo Pinelli, discendente di famiglia di banchieri e commercianti di origine genovese insediatasi a Napoli, uomo ricchissimo, assume titoli nobiliari, oltre a quello di Conte di Coperitno assunto da Galeazzo Pinelli per aver sposato Livia Squarciafico, nel 1539 quello di duca di Acerenza, quello di marchese di Montano, quello di marchese di Calatone e nel 1562 e Tursi. Già in queste città sono intitolate strade a Cosimo Pinelli. Cosimo Pinelli acquistò il feudo di Giugliano nel 1542 ed ivi fece costruire il Palazzo Fortezza Pinelli nel 1545, l'attuale Palazzo Palumbo, dall'architetto Giovarmi Francesco de Palma. Con la sua influenza ottenne da Carlo V, quale Imperatore del Sacro Romano Impero. Re di Spagna e di Napoli, un diploma con la concessione della giurisdizione "In Personas" che affranco amministrativamente il feudo di Giugliano dalle ingerenze di Aversa. Nel 1545 acquistò dalla famiglia Abenante una cappella gentilizia monumentale all'interno di San Domenico Maggiore che nel 1546 trasformò e di fatto rifondo. consegnandola alla storia come Cappella Pinelli., per la quale commissiono al Tiziano una tela dell'Annunciazione. Fu proprio grazie Cosimo Pinelli che Giugliano assunse le caratteristiche di una vera e propria crescita urbana. La pane più bella dell'attuale Piazza Matteotti si deve al Palazzo voluto da Pinelli e alla Chiesa di Santa Sofia, sempre di quel periodo. Impulso notevole alla economia, alla crescita culturale e sociale di Giugliano si ebbe in quel periodo. Nello stesso Palazzo venne sistemata una parte della grande Biblioteca che il figlio cadetto di Cosimo, Giovanni Vincenzo, uomo di cultura vastissima, costituì e che poi trasferì a Padova dove andò ad insediarsi. Nello stesso palazzo il Rasile, autore de Lo cunto de li cunti soggiornò quale ;ovematore del feudo, su nomina di Galeazzo ntitolare una Piazza o una strada a Cosimo Pinelli, significa recuperare la iemoria storica dell'epoca più importante della nostra città".



10/01/2018
Inserisci un commento utilizzando l'account di InterNapoli.it
Nome Utente
Password
 
 
Più Letti

Dal 2000 è il primo quotidiano on-line dell'area nord di Napoli, fondato da Aniello Di Nardo
a cura di:

Edizione N.18 Anno 15
GIOVEDÌ , 18 gennaio 2018
Registrazione al Tribunale di Napoli Nr.98 del 26/10/2004
Direttore responsabile: Sergio Pacilio
Contatti:
Via San Francesco a Patria, 47 (1° Piano)
80014 - Giugliano in Campania (NA)
Tel./Fax. (clicca qui)
E-mail: redazione@internapoli.it
Facebook
Twitter
iOS App
Android App
Google Plus
Flipboard
YouTube