28.9 C
Napoli
venerdì, Giugno 21, 2024
PUBBLICITÀ

L’onorevole del PD Michela Rostan fa ricorso contro la lista ‘Differenziamo Melito Adesso!’

PUBBLICITÀ

Elezioni Melito, Onorevole Michela Rostan (Partito Democratico): “Nel corso della giornata di sabato 27 aprile, nel primo pomeriggio per la precisione, abbiamo depositato un ricorso avverso la lista civica di appoggio al Sindaco Venanzio Carpentieri, denominata “Differenziamo Melito Adesso!” Lo abbiamo fatto, perché ritenevamo che il contrassegno depositato unitamente alla lista, caratterizzato dalla presenza della scritta Differenziamo con in evidenza il cognome “Renzi” e la parola “Adesso” seguita dal “!”, fosse lesivo per il Partito Democratico e per l’elettorato attivo che sarebbe stato portato in confusione nel momento in cui si fosse trovato di fronte due liste differenti, destinata entrambe al medesimo pezzo di città, ovvero quello progressista e riformista, in una parola, democratico. Renzi, infatti, come è noto ai più, è un Dirigente nazionale del Partito Democratico e la sua campagna elettorale per le primarie è stata fortemente caratterizzata dagli stessi tratti grafici utilizzati dalla lista di cui sopra. La Commissione Elettorale Circondariale ha accolto il ricorso ed ha invitato i responsabili della lista ad eliminare gli elementi di confusione contestati. Non sono solita prestare il fianco alle polemiche sterili ed all’autolesionismo purtroppo tipico del centrosinistra. Avevamo provato con tutti i mezzi a nostra disposizione e personalmente mi ero prodigata molto per evitare di dover arrivare ad uno scontro giuridico. Non c’è stato verso, alcuno, purtroppo, di scongiurare il ricorso alle carte bollate. Quello che abbiamo e, personalmente ho, inteso affermare con questa condotta rigida da parte del Partito Democratico Melito, è il principio dell’assoluta unità, unitarietà ed unicità del Partito Democratico, dei suoi simboli, dei suoi luoghi di discussione, dei suoi strumenti di azione, dei suoi valori e perfino dei suoi immancabili difetti. Orbene, è risaputo che la nostra forza politica, sia sul piano nazionale che sul piano locale è caratterizzata da un fortissimo pluralismo interno. Un pluralismo che, sebbene spesso deflagri con effetti devastanti, a Melito, diversamente che altrove, ha trovato un forte e consolidato equilibrio interno ed esterno. Un equilibrio che fa si che il nostro pluralismo e la nostra capacità di apertura verso la società siano motivo di arricchimento individuale e collettivo, un punto di forza e non un limite. Un pluralismo così profondo, da consentire oggi come ieri, a tutte le democratiche ed a tutti i democratici di poter svolgere il proprio ruolo e la propria funzione nel pieno rispetto delle rispettive coscienze, sensibilità e visioni della società. Quello stesso pluralismo che ha consentito in passato come nel presente, a tutte le cittadine ed i cittadini che si rivedessero nel Partito Democratico, di parteciparvi e contribuire all’affermazione del progetto politico ad esso sotteso. E’ per questo che la nostra condotta è stata intransigente verso chi ha ritenuto opportuno e possibile fuoriuscire dall’alveo del PD, cercando, nel contempo, di detenerne l’identità parziale ascrivibile alla figura di uno dei nostri leader, Matteo Renzi. Bene ha fatto, dunque, il Sindaco di Firenze a prendere le distanze pubblicamente dalla lista “Differenziamo Melito Adesso!”. Questo, non tanto per stigmatizzare una non appartenenza a questo o qual progetto politico, ma semplicemente per rivendicare due aspetti fondamentali, ovvero: il primo, che Matteo Renzi è un democratico, convinto di stare nel PD; il secondo, che “Differenziamo Melito Adesso!” pur essendo senza dubbio un interessante fenomeno locale di civismo e di movimentismo, è qualcosa di diverso dal Partito Democratico. Questo mi sentivo e ci sentivamo, insieme alla dirigenza locale del PD, di chiarire al cospetto della cittadinanza. Al Candidato Sindaco, Venanzio Carpentieri, vittima come noi di questo maldestro e malriuscito tentativo di plagio, l’onere di ricomporre un percorso politico comune, che partendo dalla centralità ed unitarietà del Partito Democratico, sappia costruire attorno a questo le condizioni per una campagna elettorale vincente, che porti il centrosinistra al Governo di Melito. Come sempre, il Partito Democratico sarà in prima linea e farà la sua parte”.

Comunicato Stampa

PUBBLICITÀ
PUBBLICITÀ
PUBBLICITÀ

RESTA AGGIORNATO, VISITA IL NOSTRO SITO INTERNAPOLI.IT O SEGUICI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.

PUBBLICITÀ

Ultime Notizie

Carcere di Benevento intitolato all’agente Gaglione, venne ucciso dalla camorra

Questa mattina a Benevento, alla presenza del Capo Dipartimento dell’Amministrazione penitenziaria, Giovanni Russo, dei vertici della Casa circondariale di...

Nella stessa categoria