Ebraismo e cattolicesimo uniti nella splendida cornice di Raito, tutto pronto per l’esegesi rabbinica

Giovedì 10 alle 19.30 la sala convegni dell’Hotel Raito, a Raito frazione di Vietri sul Mare (primo paese della costiera amalfitana) in provincia di Salerno, ospiterà il rabbino capo della comunità ebraica di Roma Rav. Dr. Riccardo Di Segni, nei fatti la massima autorità ebraica in Italia, considerando che quella romana è la comunità più grande sul territorio nazionale.

L’incontro è stato fortemente voluto dal giovane parroco don Ciro Giordano che non è nuovo a questo tipo di iniziative -ed è questo un dato rilevante- nel campo del dialogo interreligioso, tematica che ha particolarmente a cuore. A febbraio invitò l’imam della moschea di San Marcellino in provincia di Caserta a pregare insieme nella chiesa parrocchiale.

Stavolta non si tratta di una preghiera ma di una esegesi rabbinica, ovvero di una lettura esplicata di un brano dell’antico testamento precisamente il capitolo 3 dell’Esodo. L’episodio narrato è quello in cui Dio si manifesta a Mosè attraverso un roveto ardente che non si consuma mai. In questa occasione Dio rivela a Mosè il suo nome che per gli ebrei è impronunciabile. Il rabbino Di Segni, che è uno dei massimi interpreti e conoscitori della tradizione rabbinica, parlerà proprio di questo. Il titolo dell’incontro è proprio “Nel Suo Nome”.

Introduzione di Don Ciro, intervento del rabbino, conclusioni dell’arcivescovo della diocesi di Amalfi-Cava dei Tirreni mons. Orazio Soricelli, membro della commissione episcopale per l’ecumenismo e il dialogo.