«Puttà, t’accir!» ‘Strascino’ in metro a Napoli, amante picchiata da moglie tradita

- Pubblicità -

Ci sono volute più di venti persone per fermare l’ira di una moglie tradita qualche minuto fa alla stazione metro del Frullone.

Una cittadina di nazionalità ucraina aveva appena obliterato il biglietto quando è stata raggiunta da una donna poco più grande di lei, che senza badare ai fronzoli, l’ha presa per i capelli, cominciandola ad apostrofare in ogni modo.
La rabbia della donna era tale che, trascinandola per i capelli, è riuscita a portare l’ucraina dall’altra parte dell’obliteratore, facendole fare un vero e proprio balzo all’indietro. A quel punto la napoletana ha accusato l’ucraina di avere una relazione con il marito. “L’ho già cacciato di casa – ha urlato la donna tradita – Ora è il tuo turno”. Quando la situazione stava tornando alla normalità, la giovane amante ha sussurrato qualche parola che non è andata giù alla napoletana tradita che si stava allontanando. A quel punto, quest’ultima è tornata indietro ed ha picchiato con veemenza la rivale in amore, fino a quando una ventina di persone non sono riuscite definitivamente a bloccarla e ad allontanarla.

- Pubblicità -