«Questa volta mi è andata bene…». Massimo era già scampato alla morte. Giallo sulla dinamica dell’incidente

- Pubblicità -

Tre città ancora sotto choc per la morte di Massimiliano Liguori, 44enne residente a Villaricca ma molto conosciuto a Qualiano, deceduto in seguito ad un terribile incidente ieri pomeriggio nei pressi dell’Auchan di Giugliano. Massimo, come lo chiamavano i suoi amici più intimi, era benvoluto da tutti, che lo descrivono come una persona solare e sempre educata, nonostante le difficoltà che la vita gli aveva riservato non aveva perso la voglia di vivere. La sua bacheca facebook tra ieri ed oggi è stata invasa da commenti. Dolore e sconforto per la perdita di quell’omone dal cuore d’oro.

- Pubblicità -

“Sono sconvolto dalla tua perdita – scrive un amico – sei e resterai un grande uomo da lassù veglia su di noi e vedrai nei nostri cuori quanto ci manchi addio amico”. E poi ancora “È bastato così poco per conoscerti…Per capire che tipo di persona eri!!! Non mi resta che ricordarti così con quel sorriso e la solarità unica che avevi…Riposa in pace amico mio!!!”, commenta un’altra persona”.

Una vita, quella di Massimo, spezzata da una delle sue più grandi passioni: la moto. Un grande amore per le due ruote che in passato lo aveva già tradito. Nell’ottobre del 2013, infatti, Massimo aveva già avuto un bruttissimo incidente stradale. Tant’è vero che scrisse su facebook: «Anche questa volta mi è andata bene…il Signore mi ha abbracciato per l’ennesima volta. Grazie a Dio». Ieri, purtroppo, la morte non gli ha lasciato scampo. Resta il vuoto incolmabile per la sua tragica scomparsa, oltre al suo sorriso che la moglie, i parenti e gli amici faranno tornare sempre alla loro memoria.

Intanto proseguono le indagini della Municipale per ricostruire la dinamica. C’è un giallo sull’impatto che avrebbe causato la caduta di Massimo dallo scooter. Pare che il TMax su cui viaggiava la vittima sia stato tamponato da una vettura, in seguito allo scontro il mezzo avrebbe impattato contro le fioriere che dividono la strada. Il corpo sarebbe stato sbalzato nell’altra carreggiate e trascinato per alcuni metri da un’auto che proveniva da Giugliano in direzione Lago Patria. Ma sull’impatto tra il TMax e l’auto non c’è ancora certezza, gli inquirenti non si sbilanciano. Sono in corso accertamenti per verificare se ci siano telecamere delle attività della zona che potrebbero aver ripreso l’eventuale impatto.

- Pubblicità -