La scala della morte. Ecco come Antonietta si è ritrovata sull’Asse mediano prima di essere uccisa

Non è ancora chiaro il perché Antonietta De Alteriis si trovasse, ieri mattina, sull’Asse mediano dove è stata violentemente investita da un tir. Quel che pare più certo, invece, è il come la donna abbia fatto accesso alla strada a scorrimento veloce. La 65enne, infatti, avrebbe percorso una scalinata del prolungamento via Santa Caterina da Siena, stradina al di sotto dei cavalcavia dell’Asse Mediano, rimbalzata spesso agli onori della cronaca essendo diventata una ‘discarica a cielo aperto’. Una stradina che, con tutta probabilità, Antonietta conosceva bene visto che abitava nelle vicinanze. La sua abitazione era confinante proprio con quella scalinata che l’ha condotta verso la morte. Pare che quella mattina la donna avesse salito quelle scale per rincorrere il cagnolino che si era allontanato sull’Asse mediano.
La stessa scaletta è stata utilizzata da ragazzini per perpetrare atti vandalici come il lancio di sassi contro le auto in corsa.