Villaricca, bufera sul presunto voto di scambio. Botta e risposta tra Granata e Punzo

Caos mercoledì sera in consiglio comunale in occasione del dibattito sulla mozione riguardante l’installazione della pubblica illuminazione in via Milano. Quando dal dibattito è emerso che la maggioranza avrebbe bocciato il provvedimento, il consigliere d’opposizione Tobia Tirozzi ha pubblicato questo post su Facebook: “Il Sindaco e la maggioranza respingono la mozione per la Pubblica Illuminazione sul tratto di via Milano, solo dopo la nostra insistente richiesta per dare servizi ai cittadini di quella zona, assicurano in tempi brevi installazione di numero 8 pali della pubblica illuminazione!”.

Il gesto è stato criticato da alcuni consiglieri di maggioranza ma a difendere Tirozzi è intervenuto il consigliere di minoranza Aniello Granata che ha dichiarato: “È meno vergognoso che il consigliere Tobia (Tirozzi n.d.r.) mette su Facebook e scrive dei lampioni che quanto hanno fatto
il sindaco, l’assessore e il vicesindaco vadano sul posto” ha affermato Granata il quale ha addirittura parlato di presunto voto di scambio.

Dopo l’accusa lanciata da Granata in aula è scoppiato il putiferio. A calmare le acque ci ha pensato il presidente del consiglio Giuliano Arabia: “Chiunque interviene deve avere riguardo e attenzione di quello che dice perché chiunque parla mette a verbale ciò che dice e si prende le sue responsabilità. Bisogna essere rispettosi nei confronti nei colleghi. Il sindaco Maria Rosaria Punzo ha chiesto la rettifica a Granata: “Ritengo che quello che diceva il consigliere Aniello Granata è qualcosa di grave, perché ipotizza voto di scambio, e quindi formalmente lo invito a formulare l’accusa in modo dettagliato. Chiederò anche agli organi di Polizia di procedere ad ogni accertamento. Noi facciamo le cose non per ricevere qualcosa in cambio ma lo facciamo per i nostri cittadini”.