14.5 C
Napoli
lunedì, Febbraio 26, 2024
PUBBLICITÀ

Camorra di Pianura.«Con la mia morte i Mele si sarebbero presi tutte le palazzine», ecco il piano per uccidere il boss

PUBBLICITÀ

E’ un fiume in piena Pasquale Pesce. Racconta ai magistrati episodi, ricorda date, retroscena di quella che poteva essere una vera e propria mattanza. Si sofferma in particolare sul piano per farlo fuori:«Giuseppe Mele voleva consegnare una pistola a mio cugino Salvatore Marfella. Se mi avesse ucciso avrebbe ottenuto in cambio il comando delle palazzine di via Cannavino. Con la mia morte sarebbe stata sancita la pace tra i Marfella e i Mele». Stando al racconto del boss, il giovane affiliato rifiutò l’incarico e la scia di sangue continuò. E’ questo uno degli aspetti più inquietanti di quella che è stata ribattezzata ‘la faida dei cugini’.
La vicenda è stata messa a verbale nel corso del primo interrogatorio reso dal 41enne capoclan pianurese. Pasquale Pesce, infatti, dal 12 luglio scorso è divenuto un collaboratore di giustizia. L’ormai ex capoclan pianurese ha già fornito delucidazioni importanti su almeno due omicidi, vale a dire quelli di Giuseppe Perna e Luigi Aversano, e si dichiara pronto a risolverne almeno un’altra dozzina. «Marfella mi riferì che Giuseppe Mele gli aveva proposto di dargli una calibro 38 per uccidermi e in cambio avrebbe avuto il comando delle palazzine di via Cannavino e delle relative piazze di spaccio. Marfella si rifiutò e Mele non la prese bene. Per come ho potuto ricostruire, la mia morte doveva essere in realtà il sacrificio per la pace tra i Marfella e i Mele».

PUBBLICITÀ

RESTA AGGIORNATO, VISITA IL NOSTRO SITO INTERNAPOLI.IT O SEGUICI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.

PUBBLICITÀ

Ultime Notizie

Da Napoli a Palermo, un viaggio per tutta la famiglia

A volte si sogna un viaggio in qualche meta esotica, ma quando si programma una vacanza con l’intera famiglia,...

Nella stessa categoria