AUDIO E VIDEO CHOC. «Io e la mia famiglia nell’inferno di Barcellona». Famiglia della provincia di Napoli racconta i drammatici momenti

Un’intera famiglia di Villaricca si è salvata per miracolo dall’attentato a Barcellona. A raccontarci l’accaduto è Angela, una delle donne che era nel capoluogo catalano. Ecco la sua testimonianza alla nostra redazione:

A parlare è anche la figlia Vittoria: “Lì ci sono mia mamma, mio padre, mio cognato, i miei nipoti e mia cugina, tutti di Villaricca. Erano distanti solo 500 metri dal luogo dell’ attentato. Stanotte il presidente spagnolo si è recato presso l albergo dove alloggiano loro ed ha comunicato
il lutto cittadino per 3 giorni. Quando c’è stato l’attentato erano sul bus turistico di due piani nella traversa adiacente. Appena si sono accorti di quanto successo sono stati fatti. Avevano chiuso strade e bloccato taxi ed hanno dovuto raggiungere l’albergo a piedi. Per strada hanno trovato affisso biglietti che annunciavano l’attentato. Adesso – racconta Vittoria –
loro sono in hotel ed è stato consigliato di non uscire dato la tensione che ce in giro”.