Giugliano. Querele e controquerele: l’atroce vendetta del contadino verso i fratelli Palma

Continuano le indagini dei carabinieri per far luce sull’omicidio di Giuseppe Palma, ucciso brutalmente all’alba di ieri in una campagna nella zona di Ponte Riccio. A porre fine alla vita del vigile del fuoco è stato, Pasquale Palma, un vicino di casa ottantenne legato alla famiglia di Giuseppe da un legame di parentela e proprietario di un appezzamento di terreno vicino a quello della famiglia Palma, che ha esploso all’indirizzo della vittima tre colpi di pistola. Secondo quanto si apprende, le tensioni tra i due confinanti già andavano avanti da qualche tempo: la testimonianza di questi scontri per gli appezzamenti di terreno contigui è rappresentata anche dalle querele presentate da entrambe le parti negli scorsi mesi. Agli atti ci sono una querela e una controquerela presentate dai protagonisti della drammatica vicenda consumatasi all’alba di ieri: la prima querela, presentata dai fratelli Palma, denunciò minacce e aggressioni da parte dell’80enne che, pochi giorni dopo, si recò presso la Compagnia dei Carabinieri di Giugliano per presentare una controquerela con le medesime accuse nei confronti dei due fratelli. Uno scontro che, dunque, viene da lontano e che è giunto ad un triste epilogo nella giornata di ieri.