La tragedia della Solfatara. Il piccolo Alessio è stato raggiunto dai parenti, sotto choc parla solo con la nonna

Il giorno dopo la tragedia della Solfatara che ha inghiottito i tre turisti, la città di Pozzuoli non riesce a svegliarsi da quest’incubo che li ha colpiti. Tutti sono increduli sull’accaduto e i cancelli del luogo turistico restano chiusi.
Il governatore campano, Vincenzo De Luca, ha aggiunto che serve un continuo monitoraggio per situazioni che riguardano la realtà aperta al pubblico e che tutta la Regione Campania, e il Comune di Pozzuoli, si occuperà della famiglia del piccolo Alessio donandogli tutto ciò che sarà necessario.

Nella città flegrea oggi sono arrivati i familiari delle vittime che hanno subito raggiunto il piccolo Alessio, l’unico sopravvissuto alla tragedia. Il bambino, che nella giornata di ieri è stato seguito da una psicologa e dagli assistenti sociali, ora si trova con la nonna materna, la quale, riferisce il sindaco di Meolo “era quella che seguiva quotidianamente i piccoli quando i genitori erano al lavoro ed abita di fatto nella stessa casa, divisa solo da una parete”.
Insieme alla donna sono arrivati anche i nonni paterni e gli zii e con loro, Alessio, riesce a sentirsi “a casa”.