20.9 C
Napoli
martedì, Giugno 25, 2024
PUBBLICITÀ

Padre di uno Scissionista ucciso in un supermercato, l’ordine dei Di Lauro: «Ammazzate tutti gli Amato-Pagano»

PUBBLICITÀ

L’omicidio dell’innocente Attilio Romanò non ferma la mattanza. Anzi. Nella guerra tra i Di Lauro e gli Scissionisti finiscono sempre più nel mirino persone non direttamente connesse con il crimine organizzato. Tra questi Vittorio Bevilacqua, 64 anni, che paga con la vita la colpa di essere il padre di un affiliato. Ad ucciderlo sei proiettili che ‘svegliano’ dal torpore mattiniero il rione Don Guanella, epicentro di una mattanza che neanche la cattura di Cosimo Di Lauro. è riuscita a placare.

L’ omicidio si consuma in un supermercato del quartiere dove solo per un soffio un garzone non rimane ferito. Bevilacqua paga con la vita l’essere padre di Massimo Bevilacqua, considerato un affiliato degli Amato-Pagano. L’uomo era inoltre anche il suocero di Ciro Nocerino, un luogotenente della stessa organizzazione. I loro familiari erano in pericolo e lo sapevano. Lo stesso Massimo intercettato dalle forze dell’ordine al telefono rivelava i suoi timori alla sorella: ««Non posso restare qua, rischio la vita. Voglio andare a casa di mamma, mi sento più sicuro nel rione».

PUBBLICITÀ
PUBBLICITÀ
PUBBLICITÀ

RESTA AGGIORNATO, VISITA IL NOSTRO SITO INTERNAPOLI.IT O SEGUICI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.

PUBBLICITÀ

Ultime Notizie

La critica di chef Alessandro Borghese: “In Italia nessuno cucina più, viviamo tutti di Glovo e Just Eat”

Non si risparmia neanche questa volta l'illustre chef italiano Alessandro Borghese. Nel  podcast "Tintoria" con Stefano Rapone e Daniele...

Nella stessa categoria

PUBBLICITÀ