«Stop all’arrivo di immigrati a Mugnano e più controlli delle forze dell’ordine»: promessa di Sarnataro in Consiglio

Ieri sera al consiglio comunale di Mugnano ha tenuto banco la questione immigranti, tema che ha destato la preoccupazione del primo cittadino in seguito alla comparsa delle croci celtiche sulle mura del Municipio. “Non ci saranno più ingressi di immigrati sul territorio mugnanese” -ha dichiarato Sarnataro – “grazie alla creazione di un unico SPRAR, sistema di protezione per richiedenti asilo e rifugiati, che accoglierà 112 immigrati già presenti nei centri di accoglienza straordinari ”.

L’opposizione si è soffermata soprattutto sul tema dell’integrazione: “Come si può pensare di parlare di integrazione se queste persone vengono messe in un centro di accoglienza e poi lasciate in balia di se stesse? In questo modo è inevitabile che si creino dei disagi all’ordine pubblico” – ha dichiarato ‘Udc Ezio Micillo – “Per non parlare dell’aspetto sanitario ed urbanistico non adeguato delle strutture” il consigliere dell’Udc ha denunciato le condizioni del CAS sito in via 4 Martiri. Sarnataro ha poi rassicurato i presenti garantendo una maggiore presenza delle forze dell’ordine sul territorio.

La seduta si è poi conclusa con l’interrogazione di consigliere di minoranza Micillo in merito alla nomina dei membri del nucleo di valutazione: “Perché l’avviso per la composizione del nucleo di valutazione è stata fatta nel mese di agosto? Per quale motivo si preferisce alla professionalità ed esperienza dei membri dell’OIV la nomina diretta del nucleo di valutazione? Perché il numero dei membri del nucleo di valutazione è passato da 3 a 5?”. La fascia tricolore ha suggerito di: “Trattare l’argomento nel prossimo consiglio per poter rispondere in modo più approfondito”.