Violenza a Sant’Antimo, uomo punta coltello alla gola della moglie: «Ti uccido!»

Un episodio deplorevole è avvenuto a Sant’Antimo dove un uomo di 33 anni è finito in carcere dopo aver picchiato a sangue la moglie tentando addirittura di ucciderla. Sono stati i carabinieri a scoprire la violenza e ad arrestarlo in flagranza di reato mentre cercava di accoltellare la moglie dopo averla picchiata.
Secondo le indagini l’uomo, dopo aver aggredito la consorte, anch’essa 33enne, aveva afferrato un coltello minacciando di sgozzarla. Le urla della donna e le sue richieste di aiuto sono state tali da attirare l’attenzione dei vicini, i quali, allarmati per l’accaduto, hanno chiamato i carabinieri. I militari dell’Arma hanno fatto irruzione nell’appartamento dove

hanno colto l’uomo mentre rincorreva la moglie con il coltello in mano. I carabinieri sono riusciti a bloccarlo ed a disarmarlo. E’ stato portato prima in caserma per accertamenti e poi rinchiuso nel carcere di Poggioreale dove attende il processo di convalida del fermo.