Apertura Palazzo del Baronale di Villaricca, l’opposizione grida allo spreco

palazzo baronale villaricca

L’apertura del Palazzo Baronale ha sollevato le critiche dell’opposizione, infatti, i consiglieri comunali mettono in correlazione la crisi finanziaria del Comune di Villaricca alle somme spese per rendere fruibile l’edificio storico alla cittadinanza.
Il consigliere del Movimento Cinque Stelle attende i prossimi sviluppi giudiziari: “Le preoccupazioni del sindaco e della maggioranza dovrebbero riguardare ai problemi economici del Comune invece l’amministrazione spende 200 mila euro per aprire il Palazzo Baronale. Noi stiamo aspettando la decisione della Corte dei Conti che dovrà sancire lo stato di predissesto o dissesto finanziario delle casse comunali. Gli esponenti dell’amministrazione sapevano della difficoltà economiche dell’ente, quindi potevano essere utilizzare i soldi diversamente. – conclude Luigi Nave – In caso di sentenza negativa per i cittadini villaricchesi inizierà un periodo difficile”.

Aspre critiche sono state sollevate dal consigliere Tobia Tirozzi: “A chi non piacerebbe tagliare nastri e consegnare ciò che già è della città!? A tutti! Un vecchio detto diceva: “Astipe ca’ Truov”, ma l’amministrazione Punzo sceglie di fare spreco oggi per trovare più debiti domani! – conclude l’esponente della lista Trasparenza per Villaricca – Dicesi Follia di un momento storico debitorio del comune di Villaricca, avrei preferito beneficiare di un debito in meno che un Palazzo di Città, che seppur bello in toto stona con la mia idea di consegna di cose belle alla città! #orasipuó Tutto!”