Melito. Polemica sul punto di primo soccorso. Pentoriero: «La città regredisce», Mottola: «Indipendente da noi»

Cambiate le serrature e lasciata la struttura, Melito per ora dice addio al punto di primo soccorso del largo Cinque Vie. La struttura dell’ex macello, infatti, è stata giudicata dalla stessa Asl non agibile e quindi inidonea ad accogliere le attività sanitarie previste e al suo interno, da un anno, non venivano più svolte le attività di Psaut. Alcuni locali dell’immobile comunale erano stati destinati ad ospitare il servizio dell’Asl con lo smistamento sul territorio delle ambulanze per le emergenze: un servizio che passerà adesso al comune di Mugnano.

“Si tratta di una perdita grave – ha affermato il consigliere Mdp, Agostino Pentoriero – abbiamo perso un’ambulanza a servizio dei cittadini. Melito regredisce e mi chiedo quale sia il ‘meglio’ che sta arrivando. Dopo la chiusura della villa comunale, l’abolizione degli ecobonus e il problema dei rifiuti, oggi apprendiamo della chiusura del punto di

primo soccorso. Sarà nostra cura, nei prossimi giorni, chiedere spiegazioni nelle sedi opportune”, ha concluso Pentoriero.

“Lo spostamento del punto di primo soccorso da Melito viene da lontano – ha affermato il vice sindaco, Luciano Mottola – In realtà il procedimento era stato già comunicato dall’Asl alla precedente amministrazione e il comodato d’uso era ormai scaduto da un anno. Stiamo cercando di trovare una soluzione alternativa. La chiusura non è dipesa da noi”.