Belen Rodriguez torna a parlare del suo video hard ed attacca il ministro della Giustizia

- Pubblicità -

Al “Maurizio Costanzo Show ” c’è stato un battibecco tra Beblen Rodriguez e il ministro della giustizia Andrea Orlando. La discussione si è incentrata su un tema molto delicato come quello dei crimini informatici e della violazione della privacy. Dure le parole della showgirl argentina finita al centro dello scandalo anni fa per via di un suo video porno finito sul web: “Mi sono rivolta alla polizia postale, ma il mio video è

- Pubblicità -

ancora in rete nonostante sia uscito circa sei anni fa, il problema è che noi ci possiamo rivolgere alla polizia postale ma poi non c’è assolutamente nessun risultato”. Il ministro ha risposto dicendo che ha introdotto una norma apposita a tutela delle vittime del web, specificando però che la legge non è retroattiva: “Se tu registri clandestinamente e utilizzi impropriamente il materiale sei punito fino a quattro anni, sei anni fa la norma non c’era”. Risposta che non ha convinto la bella argentina. Le due già precedentemente avevano avuto uno scontro sulla vicenda che riguarda l’ex re dei paparazzi, tirata fuori proprio da Belen: “Ci sono assassini che dopo due anni sono liberi: com’è possibile che Corona sia ancora in carcere?”.

- Pubblicità -