Droga e camorra. Traffico di stupefacenti con gli uomini del clan. tenente dei vigili urbani assolto

Finisce l’incubo per il tenente dei vigili urbani, Andrea D’Elia. Il 33enne agente, condannato in primo grado a più di 4 anni di carcere e sospeso dal comando dal giorno del suo arresto, è stato assolto ieri dai giudici della Corte D’Appello. Sullo sfondo c’è la sentenza per l’indagine condotta nel 2010 dal pm dell’Antimafia, Maurizio Cardea, su di un traffico di droga gestito dal clan Greco. Difeso dal legale Antonio Sarno, D’Elia era accusato di aver comprato da un uomo dell’organizzazione

circa 100 grammi di cocaina. A parlare di lui fu il pentito Matteo Principale, che in una lettera rivelò che D’Elia si sarebbe recato in casa della famiglia Greco per acquistare grossi quantitativi di droga riporta Salerno Today – Il 39enne fu sospeso dal servizio e in primo grado beccò una condanna con tanto di interdizione dai pubblici uffici. Ora la sentenza di assoluzione per non aver commesso il fatto. In attesa delle motivazioni e non potendo escludere un ricorso in Cassazione della Procura, per l’agente finisce un lungo procedimento giudiziario.