Bacoli. Mensa scolastica, partenza tra critiche e polemiche: proteste sul web

- Pubblicità -

Non è neanche iniziata, ed è già polemica per la mensa scolastica: mamme si rifiutano di far mangiare i propri figli a scuola e portano i panini da casa. Sono cominciate ieri a Baia, presso l’istituto Paolo di Tarso, le proteste dei genitori che si sono rifiutati di lasciare che gli alunni mangiassero i pasti. Mentre alla “Gramsci”, a Cappella, i pasti sono arrivati con oltre mezz’ora di ritardo. “E’ assurdo che i maccheroni serviti ai nostri figli fossero freddi”, scrive sul web Giuliana. Mentre una valanga di commenti negativi giungono a corredo di un post pubblicato dall’amministrazione circa i controlli fatti presso le cucine della ditta. “Smettetela con questi sopralluoghi concordati, mangiate voi quello

- Pubblicità -

che arriva sui banchetti dei nostri figli”, scrive Claudia. “Non accetto che siate stati capaci di richiamare l’ex ditta a cui era già scaduto il contratto. Ma cosa dobbiamo vedere più?”, scrive Gennaro, padre di un bambino intollerante al lattosio. Soltanto un mese fa, ad aizzare un polverone di polemiche, l’arrivo in municipio di Luca Abete, noto inviato di “Striscia la Notizia”, che ha posto il sindaco Giovanni Picone e la sua giunta dinanzi alle proprie responsabilità: quelle di non aver fatto partire la mensa ad ottobre ma, con ritardo, a dicembre inoltrato.

- Pubblicità -