Acquistare un’auto per un neopatentato non è semplice. Infatti, un soggetto che ha conseguito da poco tempo la patente, non può guidare veicoli con un rapporto tra peso e potenza superiore ai 55 kW per tonnellata, ed in ogni caso, con una potenza superiore a 70 kW/95 cavalli.  Proprio per questo, è necessario orientarsi su modelli che rispettino queste caratteristiche. Per sapere con certezza se un’automobile è adatta ad essere guidata da un neopatentato, è necessario consultare il riquadro 3 del libretto di circolazione, oppure, per le auto immatricolate prima di Ottobre 2007, effettuare il conteggio conoscendo il peso complessivo dell’autovettura ed i kW riportati sulla carta di circolazione.

Un’altra restrizione sui veicoli da guidare è dettata dall’articolo 117 comma 2bis del Codice della Strada, che afferma che per il primo anno di rilascio della patente, i neopatentati possono guidare solo veicoli appartenenti alla Categoria M1, quindi con un massimo di 8 posti. In ogni caso, su alcuni portali web, è possibile controllare la targa di una vettura per capire se è adatta ad un neopatentato o meno.

Veicolo nuovo o usato?

Dopo aver considerato i parametri da rispettare per le auto che può guidare un neopatentato, è necessario scegliere se comprare un veicolo nuovo oppure usato. C’è da pensare che un neopatentato deve prendere confidenza con il volante e potrebbe avere timore di guidare un’auto nuova, con il rischio di danneggiarla. Pertanto, la soluzione adatta potrebbe essere quella di un buon usato, magari garantito da una concessionaria o un rivenditore online di auto usate a Napoli, Milano, Roma e qualsiasi città italiana. Dai rivenditori specializzati, è possibile trovare la vettura giusta, anche a Km0, con maggiori garanzie rispetto ad un acquisto da un privato.

Scegliere il modello giusto

Sono diversi i modelli di automobili che si prestano ad essere guidati dai neopatentati. Non è detto che bisogna considerare solamente le automobili piccole, le cosiddette city cars, ma sicuramente queste rappresentano la soluzione migliore per approcciarsi alla guida, imparare a destreggiarsi nel traffico cittadino e riuscire a parcheggiare in modo semplice e senza stress. Tuttavia, c’è chi preferisce un modello sportivo, SUV, 4×4, specialmente se si abita in zone sterrate e fuori città. Un altro dilemma è se risulta preferibile optare per un modello con cambio automatico, in modo da facilitare la guida, o con cambio manuale. Infatti, abituandosi a guidare un’auto a cambio automatico si potrebbe avere difficoltà a cambiare l’auto in futuro, con cambio manuale. Alcuni optional, inoltre, potrebbero essere indispensabili per facilitare l’approccio alla strada di un neopatentato, come ad esempio le retrocamere o i sensori di parcheggio che permettono di non avere timore nell’eseguire le manovre. Ancora, nella scelta del veicolo bisogna considerare anche i fattori che incideranno sul costo finale di assicurazione, già notoriamente più alta per i neopatentati, specialmente se giovani. Quindi, occorre considerare la data della prima immatricolazione del veicolo (un mezzo più recente viene considerato più efficiente e quindi tariffato meno), l’allestimento, la cilindrata, l’alimentazione (in genere le vetture alimentate a gas, metano o diesel hanno una tariffa maggiore, perché, statisticamente, vengono guidate per tratte maggiori).

RESTA AGGIORNATO, VISITA IL NOSTRO SITO INTERNAPOLI.IT O SEGUICI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.