Marano, riciclaggio clan Polverino: pioggia di assoluzioni per imprenditori e tecnici

E’ finito con una pioggia di assoluzioni il processo con rito abbreviato sul reimpiego dei soldi del clan Polverino di Marano in alcune imprese immobiliari. Lo ha deciso il giudice per le indagini preliminari Ferrigno del Tribunale di Napoli. L’assoluzione – spiega Il Mattino – riguarda imprenditori e noti commercialisti accusati di avere agevolato, mediante l’intestazione di quote societarie, Carlo Simeoli (genero di Angelo Simeoli che è considerato referente di spicco delle famiglie malavitose Nuvoletta-Polverino) che sarebbe stato il dominus occulto delle imprese finite sotto i riflettori della procura. Tra gli assolti anche l’imprenditore Roberto Imperatrice, che aveva in gestione il marchio di ristorazione ‘Rosso Pomodoro’ e il commercialista Giovanni De Vita. L’ex consulente finanziario di Fabio Cannavaro è stato però condannato ad un anno e otto mesi per un’accusa minore.