Palazzina a rischio crollo, il Comune di Napoli precisa: “Sono 4 case di nostra proprietà”

Il Direttore Generale del Comune Attilio Auricchio interviene sul dissesto dell’immobile in via Epitaffio nel comune di Giugliano. “Lo scorso 14 novembre la Polizia Municipale di Giugliano ha comunicato che il giorno prima i Vigili del Fuoco avevano sgomberato 12 unità abitative della scala C della palazzina sita al civico n. 20 “ di proprietà del Comune di Napoli, causa grave stato lesionativo dell’accesso al fabbricato, androne e pianerottolo scala”. Inoltre, con la stessa missiva veniva comunicata la sistemazione presso un albergo di 11 nuclei familiari sgomberati, “ con riserva del recupero delle spese sostenute in danno del Comune di Napoli, precisando che dal 15 novembre la gestione dell’emergenza non sarà più a cura del Comune di Giugliano.” come si leggeva nella nota della Polizia locale di Giugliano.

Il Comune di Napoli precisa di essere proprietario esclusivamente di 4 unità abitative e, pertanto, assume la qualità di condomino al pari degli altri proprietari delle altre unità abitative site nel medesimo fabbricato ed ha immediatamente invitato il Comando di Polizia Municipale di Giugliano a contattare l’amministratore del condominio per gli interventi urgenti richiesti dai Vigili del Fuoco. Per quanto riguarda, invece, l’assistenza dei cittadini la Direzione generale ha rappresentato che le attività volte alla salvaguardia dell’incolumità pubblica e privata dei cittadini interessati da situazioni di emergenza sono, come è noto, di competenza del Sindaco del Comune sul cui territorio si è verificato l’evento, nel pieno rispetto del quadro normativo vigente e che pertanto alcun onere può essere ascritto all’ Amministrazione comunale di Napoli che comunque, in un’ottica di collaborazione istituzionale, resta a disposizione per offrire ogni utile supporto ai fini della risoluzione della problematica e di garantire il rapido rientro delle famiglie nelle proprie abitazioni.