Sarri nuovo allenatore della Juve, a Bagnoli rimossa la targa in suo onore

Maurizio Sarri alla Juve, chi lo avrebbe detto mai? Probabilmente in pochi, forse nessuno. Blasfemia e isteria di mercato, era stata così definita da chi non voleva crederci, da chi al ‘comandante’ è rimasto fedele fino all’ultimo. Fino alle 15 circa di oggi quando, come un fulmine al ciel sereno è arrivato il comunicato destinato a far da spartiacque nella coscienza di ogni tifoso azzurro: “Maurizio Sarri è il nuovo allenatore della Juventus”.

Tanti i commenti sui social, accompagnati in alcuni casi da gesti estremi, significativi, come la rimozione della targa in onore del neo allenatore bianconero, apparsa tempo fa nella sua città natale, Bagnoli. Ad annunciarlo è stato il ‘Laboratorio Politico Iskra‘, che in un post su Facebook scrive:

Non abbiamo mai voluto confondere politica e tifo ma ci piange il cuore a leggere l’amarezza di tante persone, come noi, che credevano e avevano riposto la propria fiducia in qualcuno per continuare a credere nel calcio. Una fiducia che viene regolarmente spezzata dalle leggi di mercato.

Tre estati fa con Higuain, quest’anno con Sarri.
Sarà che ormai nel calcio (come in politica) non esistono più giochi di appartenenza o ideologici, ma solo leggi di mercato?

Quando decideremo di non essere più clienti/sudditi e inizieremo ad essere consapevolmente abitanti e tifosi? A quanti ancora vorremmo affezionarci per poi essere delusi dalle loro scelte?”

RIMOSSA LA TARGA PER SARRI A BAGNOLINon abbiamo mai voluto confondere politica e tifo ma ci piange il cuore a leggere…

Publiée par Laboratorio Politico Iskra sur Dimanche 16 juin 2019