Aereo cade sulle Alpi, 20 morti

Un aereo è precipitato in Svizzera sul Piz Segnas, cima di 3.099 metri a cavallo fra Grigioni e Glarona. La notizia, già anticipata ieri sera, è stata confermato questa mattina su Twitter dalla polizia cantonale grigionese. Si tratta di un Ju-52 HB-HOT, ex velivolo da trasporto dell’aeronautica militare elvetica, utilizzato per effettuare escursioni. La Ju-Air, la compagnia aerea proprietaria del velivolo, ha annunciato la sospensione di tutti i voli.

Le vittime sono 20, poiché l’aereo d’epoca poteva trasportare 17 passeggeri e tre membri d’equipaggio. Sono tutti morti i 20 a bordo dell’aereo d’epoca. Lo ha confermato la polizia. Lo schianto è avvenuto sul versante retico, sulla pendice occidentale della montagna, sopra Flims, a un’altezza di 2540 metri.

Secondo i media svizzeri, tutti i passeggeri dell’aereo svizzero d’epoca erano membri di una comitiva di turisti svizzero-tedeschi, per lo più persone sulla sessantina e non c’erano famiglie con bambini. Non vi sono per ora informazioni sulla nazionalità dei membri dell’equipaggio. I siti di radio e giornali svizzeri ricostruiscono anche gli spostamenti fatti dal gruppo negli ultimi giorni, prima dello schianto. In particolare, venerdì scorso dopo l’arrivo a Magadino, piccola frazione del Canton Ticino, i turisti hanno fatto un’escursione in una grotta a Meride (sempre nel Canton Ticino) per poi spostarsi a Lugano dove hanno dormito. Ieri hanno visitato il mercato di Porlezza (località turistica della provincia di Como) e hanno pranzato. Poi sono rientrati a Magadino per riprendere il volo, diretti a Dübendorf. All’areodromo di Magadino l’aereo non ha subito manutenzione né ha fatto rifornimento.