Arriva un’altra condanna per Michele Zagaria, il reato commesso in carcere

Michele Zagaria
Michele Zagaria

Tre anni, nove mesi e venti giorni. Questa la pena comminata a Michele Zagaria, ex boss della Camorra. La condanna per le minacce al direttore del carcere di Opera, dove era recluso, e per le violenze e le minacce contro alcuni poliziotti penitenziari nel maggio 2018.  Lo ha deciso la sesta sezione penale del tribunale di Milano. L’ex capo dei Casalesi era accusato anche di aver distrutto alcune telecamere del carcere. Ma anche di essersi rivolto al direttore paragonandolo a “una busta di immondizia e io l’immondizia la butto fuori”.

Le sue minacce erano state indirizzate anche agli psichiatri: “Come hanno fatto mettere a me la busta in testa, così posso fargliela mettere a loro”. Nella condanna per minacce, violenza al pubblico ufficiale, danneggiamento e lesioni è stata contemplata anche l’aggravante del metodo mafioso.

La condanna a Michele Zagaria

Il pm Stefano Ammendola aveva chiesto per gli episodi 8 anni e 6 mesi, da aggiungere all’ergastolo (più 14 anni) che l’ex numero uno della Camorra stava già scontando. Zagaria, difeso dai legali Paolo Di Furia e Piera Farina, si trova attualmente nel penitenziario di Tolmezzo (Udine).

Il boss Michele Zagaria nel marzo scorso aveva ottenuto la scarcerazione e i domiciliari per “elevati rischi di contagio” a causa del Covid. Ad aprile Michele Zagaria aveva avuto il trasferimento dalla Sardegna presso la sua famiglia a Brescia. A settembre la revoca del provvedimento e il ritorno nel penitenziario milanese di Opera.

Per seguire tutte le notizie collegati al nostro sito oppure vai sulla nostra pagina Facebook.