Bidognetti assolto. Era accusato di essere il mandante di un duplice omicidio

La Corte di Appello di Napoli ha assolto, confermando così la sentenza di primo grado, il boss del clan dei Casalesi Francesco Bidognetti. “Cicciotto ‘e Mezzanotte”, era accusato di essere il mandate di un duplice omicidio avvenuto quasi 31 anni fa, il 30 agosto del 1990. I giudici hanno invece condannato all’ergastolo il sicario del delitto, l’esponente del clan Raffaele Cantone. Undici anni per il collaboratore di giustizia Dario De Simone, ritenuto colui che portò il messaggio di morte da Bidognetti al killer.

Vittime dell’agguato furono l’imprenditore Francesco Di Chiara, che non voleva cedere al clan alcuni terreni pretesi per farci passare l’asse mediano, e il suo collaboratore estraneo agli ambienti camorristici, Tobia Andreozzi. Fondamentali le dichiarazioni proprio di De Simone; rivelò come l’ordine di morte per Di Chiara risalisse alla seconda metà degli anni ’80. Il primo a darlo furono i fondatori e primi capi del clan Antonio Bardellino e Vincenzo De Falco. Con la morte di Bardellino, l’ordine, secondo il pentito e la Dda, passò da De Falco e da Francesco Bidognetti.

L’agguato mortale scattò il 13 agosto del 1990 a Trentola Ducenta. Di Chiara e il suo ragioniere furono raggiunti dai killer Raffaele Cantone e Francesco Biondino (condannato con il rito abbreviato), che li crivellarono di colpi d’arma da fuoco.

RESTA AGGIORNATO, VISITA IL NOSTRO SITO INTERNAPOLI.IT O SEGUICI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.