Accusò Quagliarella di pedofilia e contatti con la camorra, arrestato ‘l’amico’ del calciatore

La Polizia di Stato di Castellammare di Stabia, unitamente all’Arma dei Carabinieri di Santa Maria Capua Vetere, nel tardo pomeriggio del 24 ottobre ha dato esecuzione all’ordine per la carcerazione nei confronti di PICCOLO Raffaele, di 54 anni, ritenuto responsabile di atti persecutori, calunnia e sostituzione di persona.

I reati contestati, perimetrati in un arco temporale compreso tra il 2006 ed il 2010, sono stati consumati dal predetto in danno di numerosissimi imprenditori e professionisti, tra cui Fabio Quagliarella ed il gestore di un locale di Capri.

Le laboriose indagini, coordinate dalla Procura di Torre Annunziata e condotte dalla squadra investigativa del Commissariato di Polizia di Castellammare di Stabia, hanno consentito di documentare le responsabilità del PICCOLO che per anni, fingendosi amico delle vittime, le ha perseguitate con lettere e messaggi anonimi contenenti false accuse di pedofilia e di collusioni con la criminalità organizzata.

L’arrestato, appartenente alla Polizia di Stato, già sospeso dal servizio, dovrà scontare la pena di 4 anni e 6 mesi.