16.4 C
Napoli
lunedì, Maggio 16, 2022
- Pubblicità -
- Pubblicità -

GIUGLIANO: SEDUTA FLOP DEL CONSIGLIO, E’ LA GUERRA DI TUTTI CONTRO TUTTI


Ancora una volta è stato solo grazie all’opposizione che ieri pomeriggio a Giugliano, si è tenuto il consiglio. A non rispondere all’appello del presidente, i Verdi, i Repubblicani e Margherita che, all’unanimità, non hanno preso parte ai lavori. All’ordine del giorno la discussione circa la continuità da dare all’azione di governo in città, una città che da più di un mese oramai, non ha amministratori ai quali far riferimento. Il sindaco da il via ai lavori e la parola subito assume toni aspri nelle interpellanze di Pietro Ciccarelli che, dalle fila di FI, chiedeva come intendesse il sindaco risolvere le ataviche questioni riguardanti gli Lsu e la precarietà da loro lamentata circa la gestione del servizio sosta a pagamento. Così pure, domandava Ciccarelli, cosa intendesse fare il primo cittadino per risolvere il problema Bollette Pazze legate ai consumi idrici. Altra questione rimasta irrisolta da quando Francesco Taglialatela non ha più uno staff che lo coadiuvi, è quella dei rifiuti e della correlata emergenza ambientale. A Taverna del Re si continua a scaricare e le ecoballe hanno oramai riempito tutte le piazzole per lo stoccaggio. Insomma, domande alle quali si sperava il sindaco desse una risposta ma, ad un certo punto un nuovo appello per contare i presenti si rende indispensabile. Antonella Pianese e Nicola D’Alterio dell’Udeur, hanno abbandonato inspiegabilmente l’aula. Il presidente è costretto a constatare che è venuto a mancare il numero legale e, la seduta è dichiarata sciolta. Insomma, un consiglio nato per discutere del programma da adottare nel confuso contesto politico locale, si è sciolto ancor prima che si entrasse nel vivo delle argomentazioni. La cosa chiaramente ha destato non poche reazioni: “E’ uno scandalo –affermava dalle retrovia di un’aula sulla quale era oramai calato il sipario, Pietro Ciccarelli- il sindaco aveva promesso che se questa sera il consiglio non si fosse tenuto, si sarebbe dimesso. E’ ora che lo faccia”. Moderava i toni Francesco Mallardo del Nuovo Psi “Siamo stufi di ripetere sempre le stesse cose. Questa maggioranza continua ad essere spaccata e, dopo un mese, ancora si litiga per le deleghe e a chi debba affidarle il sindaco. Sembra che questa sia l’unica cosa che conti ed intanto questioni importanti, vengono lasciate al tappeto. Questa sera –continua il consigliere- si sarebbe dovuto discutere anche di gravi inadempienze commesse dal collegio dei revisori dei conti, inadempienze che avrebbero causato gravi danni all’erario pubblico. Il sindaco doveva darci delle risposte, ma neanche a parlarne. Mi auguro solo che i cittadini abbiano memoria lunga quando si tornerà ad eleggere l’amministrazione. A Giugliano c’è bisogno di un cambiamento radicale e magari immediato”. Insomma, malumori accordavano un po’ tutti e, a quanto pare, anche i partiti della stessa coalizione di centrosinistra che, proprio in questi giorni, continuano a discutere e a litigare senza neppur far mistero di questa cosa. E’ a suon di manifesti infatti, che l’intera città sta assistendo ai dissapori interni alla maggioranza, gli stessi che hanno recentemente trovato espressione tra le polemiche del Prc alle quali tempestivamente, hanno ironicamente replicato Udeur e Repubblicani. Intanto, mentre i cittadini attendono, il sindaco promette una conferenza stampa nella quale renderà conto alla città di quanto sta accadendo, un’altra promessa che attendiamo di veder rispettata.

RESTA AGGIORNATO, VISITA IL NOSTRO SITO INTERNAPOLI.IT O SEGUICI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.

- Pubblicità -
- Pubblicità -spot_img

Ultime Notizie

Dramma a Napoli, lite tra gli scogli finisce a coltellate: gravissimi due giovani

Lite tra gli scogli finisce a coltellate nel primo pomeriggio di oggi a Napoli. Due giovani sono stati accoltellati...
- Pubblicità -

Nella stessa categoria