Amanda spinta in mare dal fidanzato, Gennaro positivo al test della droga

amanda gennaro fidanzato droga

Gennaro Maresca avrebbe assunto cocaina nella sera della caduta in mare di Amanda Tosi. Secondo Il Mattino il particolare è emerso dagli esami tossicologici a carico del fidanzato, indagato per il tentato omicidio della 22enne. Prossimamente il Tribunale del Riesame dovrà pronunciarsi sulla scarcerazione richiesta dai legali del giovane. Anche Gennaro ha parlato di quei terribili momenti: “Non ho capito cosa stesse accadendo non ho capito che la sua vita fosse in pericolo, se mi sono allontanato dal muretto era solo per una sensazione di spavento. Chiedo perdono.

Da metà giugno stanno migliorando le condizione di Amanda dopo l’episodio a Nisida. La giovane sarebbe stata spinta dal fidanzato dopo un litigio. Le buone notizie sono arrivate dalla Rianimazione del Policlinico della Federico II. La 22enne avrebbe riportato lesione traumatiche alle ossa del bacino, altri traumi e una polmonite. Attualmente fuori pericolo ma Amanda resta claudicante. Lei è assistita da mamma Marta: Amanda soffriva per quel ragazzo, era nervosa, piangeva litigavano spesso perché lui le rendeva la vita impossibile. Era un ragazzo geloso, la controllava e le aveva già messo le mani addosso. Per questi motivi ci eravamo scontrate ma non riuscivo a farle cambiare idea”.

Il giallo del messaggio e la gelosia, i retroscena sulla lite tra Amanda e Gennaro

Secondo quanto ricostruito la coppia stava trascorrendo una serata insieme ad alcuni amici. A testimoniarlo anche alcune storie che, in quelle stessa serata, erano state pubblicate su Instagram. Quando il dramma si sarebbe consumato, però, Gennaro ed Amanda erano soli.

QUEI TERRIBILI ATTIMI

Amanda riceve un messaggio sul cellulare, e tanto sarebbe bastato per scatenare la reazione del ragazzo, una spinta. Quel gesto che ha segnato la vita di entrambi: da una parte c’è una giovane 22enne che lotta per la vita, dall’altra un 24enne finito in carcere per non essere riuscito a contenere la propria rabbia. Un gesto dettato probabilmente dalla gelosia ma che, purtroppo, ha comportato conseguenze troppo gravi.