35.3 C
Napoli
lunedì, Giugno 27, 2022
- Pubblicità -
- Pubblicità -

Cavalli di ritorno, assolto l’ex consigliere comunale di Casavatore Mauro Ramaglia


Cavalli di ritorno nell’agro, assolto perché il fatto non sussiste l’ex consigliere Mauro Ramaglia. “Sempre avuto fiducia nella giustizia”. Era entrato nell’inchiesta a seguito delle indagini sulla banda del cavallo di ritorno: e tra quelli colpiti da ordinanza cautelare di obbligo di dimora era finito anche l’ex consigliere Mauro Ramaglia, titolare della società di noleggio M.RENT e il suo dipendente Ciro Gatta. Il provvedimento a carico di Ramaglia e Gatta, aveva colpito anche Giorgio Bottiglieri, Raffaele De Rosa, Andrea Amarone, Emanuele Maiello e Santino Busiello (tutti condannati), ed era scaturito dalle indagini avviate dai Carabinieri che avevano registrato un notevole aumento di furti di autovetture nei comuni dell’agro aversano a partire dal mese di marzo scorso.

Nell’ambito di un’attività di indagine coordinata dalla Procura della Repubblica di Napoli Nord, i Carabinieri della Stazione di Trentola Ducenta con l’ausilio dei militari di Casavatore, avevano eseguito un’ordinanza di applicazione di misure cautelari emessa dal giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Napoli Nord nei confronti di sette persone (destinatari uno di custodia cautelare in carcere, tre degli arresti domiciliari, due del divieto di dimora ed uno dell’obbligo di presentazione alla P.G.), domiciliate nelle province di Napoli e Caserta, gravemente indiziate dei delitti di associazione per delinquere finalizzata ai furti di auto ed alle conseguenti estorsioni col metodo del cosiddetto cavallo di ritorno. Secondo l’accusa, Mauro Ramaglia e il suo dipendente Ciro Gatta che gestiscono la società di noleggio autovetture M.RENT sulla via circonvallazione esterna a Casavatore, avrebbero fornito agli autori dei delitti, per il tempo strettamente necessario, le auto che utilizzavano per commettere l’attività illecita, intestando il contratto di locazione ad ignari soggetti estranei ai fatti. Ma dopo il processo e le arringhe degli avvocati difensori Lidia Mastroianni e Nunzia Amoroso, la prima sezione penale del Tribunale di Napoli Nord ha emesso la sentenza di non luogo a procedersi nei confronti di Ramaglia e Gatta perché il fatto non sussiste. “ Ho sempre avuto fiducia nella giustizia e nei miei avvocati. Finalmente è finito un incubo”.

di G.B.

RESTA AGGIORNATO, VISITA IL NOSTRO SITO INTERNAPOLI.IT O SEGUICI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.

- Pubblicità -
- Pubblicità -spot_img

Ultime Notizie

Il Monte Barbaro brucia da ore a Pozzuoli, fumo visibile da chilometri

Da stanotte il Monte Barbaro sta bruciando in seguito ad uno imponente incendio, ma momento sono ancora ignote le...
- Pubblicità -

Nella stessa categoria