Rapina in banca, 30mila euro e documenti falsi: arrestato giovane di Giugliano dai carabinieri

Fabio Centomani
I Carabinieri della Compagnia di Giugliano hanno notificato ordine di esecuzione per la carcerazione emesso dalla procura della repubblica presso il Tribunale di Milano a carico di Centomani Fabio, giuglianese classe 1992. L’uomo è stato trovato dopo quasi un anno di irreperibilità presso una abitazione nel comune di Napoli. Durante la perquisizione i militari della compagnia di Giugliano hanno sottoposto a sequestro la somma in contanti di 30 mila euro ed una carta di identità falsa. Per tali reati è stato deferito in stato di libertà mentre è stato tradotto presso il carcere di Poggioreale a seguito della notifica dell’Ordine di carcerazione. Dovrà scontare la condanna di un anno e 2 mesi di reclusione, in quanto a seguito di riconoscimento del vincolo della continuazione, il GIP del Tribunale di Milano ha ridotto la pena di 4 anni originariamente inflitta, grazie alla richiesta dell’avvocato Luigi Poziello, per il reato di rapina aggravata ad istituto di credito commesso ad Opera, nel milanese, che fruttó un bottino di 30 mila euro e per il quale Centomani Fabio è stato processato con il coimputato Mele Gaetano, giuglianese classe 1985. Centomani Fabio non è nuovo ai fatti di cronaca, infatti già in passato fu arrestato per tentata rapina a Pregnana Milanese (MI), rapina consumata aggravata ad istituti di credito a Camerana (Cuneo), Torino, Monza e Brianza, per le quali sempre a seguito di riconoscimento del vincolo della continuazione fu condannato ad anni 6 mesi 4 di reclusione. Il bottino delle rapine consumate si aggira sui 500mila euro.