Coronavirus, i 2 fratelli di Avellino sono entrati in contatto con decine di persone: il motivo

Coronavirus. Hanno viaggiato con mezzi pubblici i due fratelli di Lauro scappati da Codogno. Un fatto questo che rende ancora più ingarbugliata la situazione già di per sé complessa. A questo punto va ricostruito punto per punto il viaggio dei due giovani, per capire con quante e quali persone sono entrati a contatto. Di certo viaggiando con mezzi pubblici hanno incrociato decine di persone, che potrebbero essere entrate a distanza di ‘non sicurezza’.

Coronavirus, il sindaco ha disposto la quarantena

Nonostante i due fratelli non abbiano alcun problema di salute, come da prassi, il sindaco di Lauro, Antonio Bossone ha immediatamente disposto la quarantena per tutte le famiglie che abitano nello stesso condominio dei due ragazzi.

 

Coronavirus. Hanno viaggiato con mezzi pubblici i due fratelli di Lauro scappati da Codogno. Un fatto questo che rende ancora più ingarbugliata la situazione già di per sé complessa. A questo punto va ricostruito punto per punto il viaggio dei due giovani, per capire con quante e quali persone sono entrati a contatto. Di certo viaggiando con mezzi pubblici hanno incrociato decine di persone, che potrebbero essere entrate a distanza di ‘non sicurezza’.

Coronavirus, il sindaco ha disposto la quarantena

Nonostante i due fratelli non abbiano alcun problema di salute, come da prassi, il sindaco di Lauro, Antonio Bossone ha immediatamente disposto la quarantena per tutte le famiglie che abitano nello stesso condominio dei due ragazzi. 

 

 

Coronavirus. Hanno viaggiato con mezzi pubblici i due fratelli di Lauro scappati da Codogno. Un fatto questo che rende ancora più ingarbugliata la situazione già di per sé complessa. A questo punto va ricostruito punto per punto il viaggio dei due giovani, per capire con quante e quali persone sono entrati a contatto. Di certo viaggiando con mezzi pubblici hanno incrociato decine di persone, che potrebbero essere entrate a distanza di ‘non sicurezza’.

Nonostante i due fratelli non abbiano alcun problema di salute, come da prassi, il sindaco di Lauro, Antonio Bossone ha immediatamente disposto la quarantena per tutte le famiglie che abitano nello stesso condominio dei due ragazzi.