Covid, Berlusconi ricoverato con la polmonite: il nuovo bollettino medico

covid condizioni Silvio Berlusconi
Il Cavaliere è giù di morale

Silvio Berlusconi è stato ricoverato a Milano al San Raffaele per accertamenti sulle sue condizioni dopo che era risultato positivo al Covid. Il presidente Berlusconi, dopo la comparsa di alcuni sintomi, è ricoverato all’ospedale San Raffale di Milano a scopo precauzionale. Al leader di Forza Italia è stata riscontrata una polmonite bilaterale allo stato precoce. Sarebbe questa, a quanto si apprende da fonti sanitarie, la diagnosi emersa dalla tac a cui è stato sottoposto il Cavaliere e che ha portato ad un suo ricovero precauzionale.

Zangrillo, per Berlusconi blando coinvolgimento polmonare

Il tampone a cui è stato sottoposto Silvio Berlusconi il 2 settembre “era programmato. Abbiamo rilevato una positività in un soggetto che ho definitio asintomatico. Nel volgere di qualche ora, nella giornata di ieri, in una situazione di assoluta tranquillità, ho ritenuto di fare una visita e nell’ambito di questa visita ho rilevato un blando coinvolgimento polmonare”. Lo dichiara il primario del San Raffaele e medico del premier Alberto Zangrillo nel punto stampa sulle condizioni di Berlusconi.

Il ricovero di Silvio Berlusconi è stato ritenuto necessario perchè soggetto è a rischio per l’età e le patologie precedenti. Siamo però in regime di ricovero con una situazione clinica tranquilla e confortante” ha aggiunto Zangrillo. “Il regime di ricovero è normale. E’ in una camera che risponde ai requisiti richiesti dalle leggi regionali in merito alla tutela di terzi e del paziente. Il paziente non è intubato, respira spontaneamente” ha detto anche il primario della terapia intensiva dell’Ospedale San Raffaele nel punto stampa su Silvio Berlusconi. “Sono ottimista per i prossimi giorni”, aggiunge.

Covid, le condizioni di Silvio Berlusconi. il punto del prof Zangrillo

«Sono qua per aggiornarvi della situazione clinica di Silvio Berlusconi». Ha esordito così Alberto Zangrillo, il primario dell’ospedale San Raffaele, dove è ricoverato l’ex premier. «La positività è stata riscontrata in un soggetto asintomatico», ha spiegato Zangrillo ricostruendo gli avvenimenti degli ultimi giorni, culminati nel ricovero di giovedì sera. Nella giornata di ieri, «in una situazione di assoluta tranquillità ho rilevato un blando coinvolgimento polmonare», ha proseguito. Il quadro clinico pregresso e l’età del paziente «impongono assoluta cautela».

La situazione clinica «appare tranquilla e confortante. Siamo in una situazione di tranquilla osservazione. Il paziente non è intubato e respira autonomamente». L’umore però «non è dei migliori», «nemmeno il mio», ha aggiunto. «È previsto che Berlusconi resti» nella «struttura qualche giorno».

Dalla Lega al Pd, molti gli auguri di pronta guarigione all’ex premier

“Esprimiamo vicinanza al Presidente Silvio Berlusconi con l’augurio di rimettersi al più presto. Lo conosciamo tutti come un indomito combattente”. Così i capigruppo della Lega Massimiliano Romeo e Riccardo Molinari a nome di tutti parlamentari. “Auguri di rimettersi presto e bene”, scrive Emanuele Fiano, della Presidenza del Gruppo Pd alla Camera, in un post su Facebook. “Vicinanza a Silvio Berlusconi. Negli anni ci ha abituati alla sua tempra di tenace combattente e gli auguriamo una guarigione piena e rapida. Forza!”, dichiarano i capigruppo di Fratelli d’Italia alla Camera e al Senato, Francesco Lollobrigida e Luca Ciriani. “Sono certo che il Cavaliere sia una pellaccia e quindi non corra alcun rischio. L’ho sentito ieri l’altro a tarda sera, appena si è sparsa la notizia, e stava in buona forma, dice Giovanni Toti.

PER RESTARE SEMPRE INFORMATO SULL’EMERGENZA CORONAVIRUS, VAI SU INTERNAPOLI.IT O VISITA LA NOSTRA PAGINA FACEBOOK