Il quartiere quartiere Vasto Arenaccia piange Giuseppe, l’agente della Municipale stroncato dal Covid

E’ scomparso, stamattina poco dopo le sette a Milano, il Luogotenente della Polizia
Municipale Giuseppe Esposito, sessantasei anni, originario del quartiere Vasto Arenaccia. Sposato e padre di due figli, in forza alla Unità Operativa rimozioni del Comune di Napoli di via santa Maria del Pianto. Uomo stimato da tutti i suoi colleghi e ricordato come lavoratore instancabile. Aveva prestato servizio negli anni novanta anche al quartiere Chiaia presso l’ex mercato dei fiori del Maschio Angioino. Appresa la triste notizia, da parte dei colleghi e di coloro che lo conoscevano, sono fioccati decine e decine di messaggi di cordoglio anche attraverso i social. L’uomo era conosciuto per la sua passione per la musica partenopea, di
cui era profondo conoscitore e cultore, al punto di collaborare per diversi spettacoli televisivi con il Maestro Mario Merola. Noto negli ambienti musicali il suo piccolo museo di testi musicali napoletani antichi. Il Luogotenente Esposito, era famoso anche per la sua passione per la poesia che lo aveva portato a pubblicare tra il 1993, data di uscita della sua prima raccolta di poesia dal titolo “Napoli eterna passione” e il 2004 con “Surgente antica”, diverse opere che hanno riscosso un discreto successo tra gli appassionati.
Esposito si era recato, meno due mesi fa, all’ Ospedale di Bergamo per un delicato intervento chirurgico al ginocchio. Successivamente è stato trasferito in una clinica convenzionata del posto per sottoporsi al percorso riabilitativo. La degenza trascorsa in uno dei focolai più ampi d’Italia, è costata cara al poliziotto municipale che è stato contagiato. Il 3 marzo scorso, aveva informato il collega ed amico Oreste Cerrone, anch’egli Luogotenente della Polizia locale di Napoli, dove lo informava di essere positivo al tampone.
Il giorno successivo le sue condizioni si sono aggravate e si è reso necessario il suo trasferimento all’ospedale civile di Milano, dove ha trascorso gli ultimi giorni della sua vita. Lascia la moglie Giovanna Serino e i figli Antonio, brillante avvocato delle Generali assicurazioni e Vincenzo. Di lui il luogotenente Cerrone ha detto: <E’ venuto a mancare un grande uomo, un vero Amico e un insostituibile Collega”. Profondo dolore è stato
espresso anche dal Comandante dell’Unità Operativa Rimozione Auto Cap. Giuseppe Imperatore e da tutti i colleghi di Reparto. “Esposito era una persona di elevate qualità morali e professionali”– hanno detto. Condoglianze sono state espresse anche dal Cap. Bruno Capuano del Comando generale e dai vertici di via De Giaxa. Al primo aprile in Campania i positivi al Covid- 19 sono 2.456, con 225 nuovi casi positivi, 17.404
dall’inizio dell’epidemia. Nel frattempo il Governo ha prorogato fino al 13 aprile tutte le misure che limitano le attività e gli spostamenti delle persone. Alla famiglia del Luogotenente vanno le più sentite condoglianze della Redazione.