“Alice, Tommaso, Max, Davide…”. Vita privata e lavoro, chi ha chiesto di vedere Nadia Toffa prima di morire

L’omaggio che Le Iene vogliono tributare a Nadia Toffa non finisce con la puntata inaugurale di questa stagione, andata in onda ieri con conduttori e inviati di oggi e del passato uniti nel dolore per Nadia: «C’è questo filmato che Nadia ci chiese fare, con lei che incontra le persone cui ha voluto bene. È stato girato qualche mese prima che ci lasciasse ma fino ad oggi non abbiamo ancora avuto il coraggio di guardarlo, ancor meno di lavorarci. Lo faremo appena ce la sentiremo – dice all’Adnkronos l’autore delle Iene Davide Parenti – potremmo riuscire a trasmetterlo verso la fine dell’anno, intorno a Natale».

 

Ci sarà poi il tributo in ogni puntata

Già annunciato e già iniziato nell’esordio di stagione: «Tutte le volte che finiremo il programma diamo la buonanotte a Nadia, nella sigla di coda ci sarà sempre lei che balla al tramonto», ribadisce Parenti che non nasconde poi la sua emozione per come Nadia è stata ricordata in trasmissione. «C’erano tutte persone che fanno più o meno lo stesso mestiere, alla fine sono venuti praticamente tutti, quelli che non sono riusciti sono stati davvero pochi e chi non c’era ha contribuito attraverso il filmato». «Quando ci si ritrova per una gioia condivisa come un matrimonio, o per un dolore condiviso è tutto molto intenso, in particolare nel caso di un lutto: alla tristezza, al senso di perdita si unisce la particolare sensazione che viene dal ritrovarsi, come in ‘Il grande freddò di Lawrence Kasdan. Al termine della serata ho abbracciato e baciato con affetto cento persone che fanno parte della mia vita. È stata una grande emozione per tutti», racconta Parenti che del lascito professionale di Nadia dice infine: «Lei è stata un esempio per molti, ha fatto molto bene molte cose, era sempre in redazione, si relazionava in modo intenso con tutti, riusciva a coinvolgere chi lavorava con lei con il suo entusiasmo, era veramente instancabile e appassionata. La sua lezione è questa».

Nadia Toffa e Le Iene

“Abbiamo pensato mille volte come cominciare questa trasmissione, ma la cosa migliore da fare era stare qui uniti tutti insieme, festeggiare la vita perché era così che voleva Nadia – ha detto Alessia Marcuzzi che conduce il programma quest’anno insieme a Nicola Savino – Questo era il potere di Nadia era come un fluidificante, metteva tutti insieme “.

“Lei sapeva fin da subito dopo la prima operazione che il suo cancro, lei lo chiamava con il suo nome non le avrebbe dato più di 1 anno di vita – ha aggiunto Alessia – Tutti siamo abituati a ricordarla combattiva, che ce la metteva tutta, ma anche lei ha pianto, non lo ha fatto mai vedere, ma ha pianto tanto e ci ha tenuto a ricordare che quasi in ogni famiglia c’è qualcuno che combatte contro questa malattia con coraggio e dignità”. Dietro Alessia, schierati su tre file, senza nascondere la commozione, in silenzio, alternato dagli applausi, le 100 iene che hanno lavorato allo show di Italia1 in questi 23 anni, da Luciana Littizzetto a Simona Ventura, Claudio Bisio, Alessandro Cattelan, Geppi Gucciari, Luca e Paolo, Enrico Lucci, Fabio Volo, Enrico Brignano.

 

In studio anche la sorella di Nadia, con Alice l’amata nipotina.

Ma il momento più delicato del programma è stato la messa in onda del video voluto dalla stessa Toffa,registrato il 21 dicembre del 2018. Due giorni dopo, la vigilia di Natale, avrebbe cominciato la chemioterapia. Una Nadia allegra, piena di slanci e sorrisi, una maglietta con la scritta I’m a Monster (‘in latino mostro però vuol dire prodigio’, dice Nadia) ha lasciato il suo messaggio di speranza.

Gli amici

“Vorrei incontrare amici, vecchi, nuovi, persone care, parenti, colleghi che hanno lasciato un segno in questo mio ultimo anno tremendo, persone che contano davvero – dice Nadia – In questo ultimo anno sono cambiata tantissimo. Non è il quanto vivi, ma come vivi. Io sto facendo il possibile per ritardare la mia morte, tutte le cure possibili. Vedremo quanto tempo avrò ancora, ma non credo molto”. Nelle settimane successive Nadia venne accompagnata da una telecamera a questi incontri con l’obiettivo, spiega nel video, di conoscere davvero cosa tutte quelle persone pensavano di lei e lasciare una specie di congedo documentato:la madre Margherita, l’ex fidanzato Max, due compagne di liceo classico, Margherita e Francesca, un amico di Brescia, Tommaso, l’ideatore del programma Davide Parenti, la nonna Maria e la nipotina Alice. La messa in onda di questi colloqui però al momento non è prevista. Forse saranno trasmessi nelle prossime puntate dello show o entreranno a far parte di un altro speciale che le Iene dedicheranno a Nadia. Forse anche su questo la Iena combattente ha preteso le sue condizioni.