Follia per recuperare il bottino

Arrestato per furto, extracomunitario distrugge uffici della polizia municipale. Prima ha rotto la vetrina di un albergo in via Torino, successivamente rilasciato dopo una denuncia a piede libero, è tornato nel comando della Polizia municipale di San Lorenzo sfondando cancello e armadietto per riprendersi la merce che gli era stata sequestrata. Infine, l’arresto da parte della Polizia. Protagonista di un pomeriggio di follia, quello di venerdì, un cittadino ivoriano di 31 anni già destinatario di un provvedimento di espulsione dal nostro Paese.

Nel pomeriggio di ieri attorno alle 16 l’uomo era giunto in una struttura alberghiera di via Torino, zona Vasto, frantumando una delle vetrine con l’intento evidentemente di sottrarre qualcosa adocchiata all’interno dell’albergo. A fermarlo sono stati gli agenti della Polizia Municipale di San Lorenzo diretti dal comandante Alfredo Marraffino. Portato nella sede del comando in via Cesare Rosaroll al cittadino straniero è stato sequestrato uno zaino contenente un coltello, un grimaldello e ben 75 telefonini la cui provenienza resta da accertare. L’extracomunitario è stato denunciato a piede libero e poco dopo ha lasciato il Comando. Non è tutto.

Lo stesso soggetto ha successivamente atteso la chiusura della sede del Comando San Lorenzo, che di solito avviene alle 21, per sfondare il cancello d’ingresso raggiungendo gli uffici dove era precedente stato devastando gli ambienti e gli armadietti dove era custodito lo zaino impossessandosene nuovamente. A raggiungerlo e questa volta arrestandolo nei pressi di Porta Capuana una pattuglia della Polizia di Stato allertata da una segnalazione per un fare sospetto dell’uomo. Ancora una volta, dunque, nell’area nei pressi di piazza Garibaldi e della stazione centrale il caos spesso dilaga.

RESTA AGGIORNATO, VISITA IL NOSTRO SITO INTERNAPOLI.IT O SEGUICI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.