Napoli, bar e sala giochi non rispettano l’ordinanza di De Luca: chiusura e multa

Bar sala giochi Napoli
Immagine di repertorio

Ieri sera i poliziotti del Commissariato Vicaria-Mercato hanno effettuato un controllo ad una sala giochi di via Ciccone ed hanno sanzionato il titolare con la chiusura dell’attività per cinque giorni poiché non ha rispettato l’orario di chiusura e non ha adottato le misure organizzative idonee per il rispetto delle norme di sicurezza anti-Covid.
Inoltre, personale della Divisione di Polizia Amministrativa e Sociale ha sanzionato in piazza Bagnoli il titolare di un bar per aver venduto alcolici da asporto oltre l’orario consentito.

Oggi zero decessi in Campania. Scoperti 2445 asintomatici e 145 sintomatici

L’Unità di Crisi ha diramato il bollettino giornaliero sul contagio in Campania. I positivi del giorno sono stati 2.590 di cui 2445 asintomatici e 145 sintomatici. Analizzati oggi 16.906 tamponi. Fortunatamente non si sono verificati decessi, invece, si registrano 173 guariti.

Posti letto di terapia intensiva attivati: 227​.  Posti letto di terapia intensiva occupati: 113

Posti letto di degenza attivati: 1.500. Posti letto di degenza occupati: 1.151

Covid in Campania, Marcianise zona rossa da questa notte

Marcianise nelle prossime ore sarà zona rossa covid: il provvedimento entrerà in vigore entro domani, lunedì 26 ottobre. Ad annunciarlo è il sindaco del comune della provincia di Caserta, Antonello Velardi. La nuova zona rossa riguarderà soltanto l’area urbana, non ci saranno quindi ripercussioni sull’area industriale. Il modello, che sarà definito in accordo con la Prefettura di Caserta, dovrebbe ricalcare quello già visto nei giorni scorsi ad Arzano.

«Marcianise si appresta ad essere dichiarata zona rossa per l’emergenza Covid. Il provvedimento scatterà già entro lunedì. La misura è stata richiesta dalle autorità sanitarie per il grave andamento della curva epidemiologica. La zona rossa verrà istituita con un provvedimento del presidente della Regione Campania, in accordo con la prefettura di Caserta. La misura è più severa e si sovrappone a quelle che eventualmente verranno prese dal governo nazionale e regionale».