Omicidio Sorrentino, ‘Capaianca’ era cognato del boss Leonardi ‘Chiappellone’

I carabinieri di Scampia stanno indagando sull’omicidio di Gennaro Sorrentino. Il 50enne ucciso sull’Asse Mediano era sposato con la sorella di Antonio Leonardi detto ‘Chiappellone’, collaboratore di giustizia. I legami di parentela è solo una delle piste seguita della forze dell’ordine.

La vittima era cognato del boss pentito, quest’ultimo  ha raccontato il tentato omicidio di Giovanni Esposito ‘o muort, esponente apicale degli Abete-Abbinante.

A raccontare ai magistrati quei momenti Antonio Leonardi ‘Chiappellone’: «La deliberazione di questo omicidio venne presa nel momento in cui Mennetta Antonio ebbe un incontro con Espositi, per cercare dì chiarirsi ed Esposito disse al Mennetta che lui voleva a tutti i costi uccidermi».

CONTINUA SU

«Lo torturarono per ore e così riuscirono ad anticipare le mosse dei nemici», così la Vanella divenne padrona assoluta dell’area nord