Paziente soffoca il vicino di letto, tentato omicidio in una clinica di Caserta: condizioni disperate

Un uomo di 68 anni, D.P.G., originario di Casandrino, si trova ora ricoverato in gravissime condizioni all’ospedale civile di Maddaloni, dopo essere stato aggredito in clinica dal suo compagno di reparto che gli avrebbe stretto, probabilmente, le mani al collo facendolo quasi soffocare. Come riportato dal sito edizionecaserta, è in corso un’indagine da parte degli uomini della questura di Caserta sull’episodio avvenuto verso mezzanotte in una struttura sanitaria del capoluogo. L’aggressore era alle prese con problemi di natura psichica.

Tempestivo l’intervento degli addetti che hanno prima rianimato e intubato la vittima, poi trasferita in codice rosso all’ospedale di Maddaloni; la prognosi resta riservata e le sue condizioni appaiono molto serie.

Indaga la polizia per fare luce sull’episodio che presenta ancora molti lati oscuri.