Cantiere usato come discarica a Marano, intervento straordinario: luogo ripristinato

Dopo tante segnalazioni e giuste lamentele, arrivate perfino alla trasmissione “Buongiorno Regione Campania”, il cantiere di via Vittorio Emanuele a Marano è stato bonificato dai rifiuti abbandonati. Così sabato mattina, poco dopo le 13:00, tre consiglieri comunali di maggioranza della lista “Visconti Sindaco”: Lorenzo Di Marino, Salvatore Vallozzi e Giuseppe Concilio, insieme agli operatori della ditta Tekra, hanno deciso di ripulire l’area incriminata. Il cantiere, sorto qualche mese fa per dei lavori idrici, non ancora ultimati per la loro complessità, da alcuni mesi è stato preso di mira dalla maleducazione della gente e trasformato in una discarica all’aperto. Il Comune ha anche messo in sicurezza l’area con una recinzione ma questa non ha impedito alla gente di depositare selvaggiamente i rifiuti urbani. Nell’area “incriminata”, infatti, i consiglieri comunali e gli operai della ditta Tekra, assistiti da una pattuglia di polizia municipale, hanno prelevato oltre cinquanta sacchetti di spazzatura e rifiuti di ogni genere. Rifiuti che si erano accumulati ormai da qualche mese, sia per lo stop dei lavori che ripartiranno entro il mese di febbraio, sia per la carenza di controlli e la maleducazione della gente, mal disposta a rispettare l’ambiente. “Con questa misura abbiamo voluto restituire lo spazio del cantiere che deturpava un angolo del nostro territorio comunale. Invitiamo la cittadinanza a rispettare la città e a depositare i rifiuti negli spazi e negli orari consentiti” hanno detto i consiglieri.

L’amministrazione comunale guidata dal sindaco Rodolfo Visconti, è stata sollecitata dal Sovraordinato all’Igiene Urbana, che in più di una occasione ha lamentato disservizi e scarsa pulizia del territorio. Quel che è certo che la maleducazione della gente, la scarsità numerica dei vigili e la mancanza di multe e controlli sugli incivili fanno il resto. E proprio per questi motivi, il Sovraordinato Angelo Covino, ha sensibilizzato Sindaco, assessore all’igiene urbana, polizia municipale e i funzionari preposti, ad esercitare maggiori controlli sull’abbandono dei rifiuti e ad essere più incisivi contro i furbetti. Segnalazione quest’ultima che è stata raccolta dall’Amministrazione e recepita anche da alcuni consiglieri comunali, tanto che il cantiere è stato liberato dai rifiuti. E non solo. Nei prossimi giorni dal Comando di Polizia Municipale di Marano, partiranno controlli a campione per “pizzicare” i furbetti del sacchetto selvaggio.

I controlli saranno presidiati da un agente di polizia municipale e da operai della ditta Tekra. E forse solo in questo modo si potrà contrastare l’abbandono dell’immondizia che oramai è diventata una cattiva abitudine assai difficile da limitare. “Gli operai della Tekra fanno quello che possono. O almeno ci provano. Soprattutto quelli che sono abituati a lavorare sodo senza mai assentarsi per malattie o per altri motivi” ha chiosato uno dei consiglieri.