[Video]. Psicosi da Coronavirus a Ischia, insulti ai turisti del Nord: “Ci avete insultato per anni, vergognatevi”

 

Psicosi da Coronavirus a Ischia. Un video pubblicato da Selvaggia Lucarelli sul suo profilo Twitter mostra una cittadina di Ischia insultare un gruppo di turisti provenienti dal nord Italia al loro arrivo sull’isola. «Guardate cosa sta succedendo qua. Da dove venite dal Veneto? – urla la donna – dalla Liguria? Peggio ancora, vergognatevi, in quarantena dovete stare! Ci avete insultato per anni».

Fortunatamente, almeno stando alle immagini, i turisti non hanno risposto alle offese della cittadina di Ischia, ma il clima “vendicativo” di questa donna mostra gli effetti della psicosi che sta invadendo il nostro Paese. La stessa Lucarelli ha commentato le immagini preoccupata per la deriva intrapresa: «Il coronavirus si sta sta trasformando in un esperimento sociale di una certa utilità – scrive la giornalista – Che robe oscene a cui stiamo assistendo».

L’ordinanza

E sembra essere questo proprio il caso di Ischia, meravigliosa isola delle Flegree, nel Napoletano, dove domenica scorsa il sindaco Enzo Ferrandino aveva deciso, con ordinanza, di vietare lo sbarco a chi proveniva da Veneto e Lombardia (regioni dove si sono sviluppati i primi focolai di infezione da Covid-19). Come si sa, l’ordinanza era stata bloccata l’indomani dal prefetto di Napoli (anche se il sindaco ha dichiarato di non essere razzista e non pentito); ma a testimonianza del clima che c’è sull’isola basterebbe guardare questo video, ripreso proprio la stessa domenica 23 febbraio.

Il video

Le immagini circolano sui social network. E parlano da sole. A riprendere con uno smartphone è con tutta evidenza una donna di Ischia, che si aggira nel parcheggio dei pullman con fari inquisitorio. Punta ai turisti del Nord: «Da dove venite?» chiede ad una prima comitiva. «Liguria», rispondono quelli. «Bene, ancora peggio», commenta lei. Che poi si dirige verso un altro mezzo, dove all’interno ci sarebbero appunto dei veneti. E qui la signora esplode: «Ci avete chiamati per anni terroni — urla — e ora venite qui a fare le vacanze. Vergogna, statevene a casa».