Ragazzi picchiati fuori al bar per uno sguardo di troppo, nei guai 20enne di Marano: caccia ai complici

aggressione a napoli

Aggressione bar di Napoli. A Napoli i carabinieri della Stazione di Posillipo hanno denunciato per lesioni gravi un 20enne incensurato di Marano. Il giovane era insieme ad altri ragazzi (in corso di identificazione) e ha aggredito per futili motivi alcuni coetanei in sosta davanti ad un noto bar di Via Petrarca. Motivo presunto dell’aggressione, un’occhiata di troppo che avrebbe spinto il 20enne e i suoi amici (in corso di identificazione) a picchiare un 22enne di Soccavo e un 23enne del Vomero.

Scoppia la rissa, le vittime raccontano dell’aggressione all’ospedale di Napoli

Le vittime arrivate al pronto soccorso del Cardarelli ed è lì che sono stati allertati i carabinieri. Il più giovane dimesso con una prognosi di 30 giorni per una frattura al polso. Infine all’altro diagnosticato un trauma cranico, ritenuto guaribile in 5 giorni. Grazie all’analisi delle telecamere di sorveglianza e alle testimonianze dei presenti i carabinieri hanno facilmente individuato uno dei responsabili dell’aggressione a Napoli. Continuano le indagini per risalire alle persone che hanno spalleggiato il 20enne.

La rapina a via Petrarca

Qualche settimana fa le forze dell’ordine erano invece intervenute in via Petrarca, quartiere Posillipo. Allertati da una segnalazione per l’esplosione di colpi d’arma da fuoco, gli agenti del Commissariato San Ferdinando hanno assistito ‘in diretta’ alla rapina. I poliziotti, appena arrivati all’esterno di un bar, hanno visto due giovani a bordo di uno scooter uno dei quali stava minacciando con una pistola un ragazzo da cui si è fatto consegnare la catenina d’oro mentre il conducente del motoveicolo si è frapposto con il mezzo per impedire alle altre persone presenti di reagire. Alla vista della volante i due rapinatori hanno tentato di fuggire lanciando l’arma in un’aiuola ma gli agenti li hanno raggiunti e bloccati

Per seguire tutte le notizie collegati al nostro sito oppure vai sulla nostra pagina Facebook.