Ordini di cocaina e hashish su Whatsapp, sgominata piazza di spaccio a Quarto

Cocaina e hashish su Whatsapp
Cocaina e hashish su Whatsapp

Messaggi in codice al telefono per comunicare di essersi rifornito di cocaina e hashish. I Carabinieri del Nucleo Investigativo di Castello di Cisterna hanno scoperto così una fiorente attività di spaccio nel territorio di Quarto. Questa mattina i militari hanno dato esecuzione ad un’ordinanza di custodia cautelare emessa dal GIP del Tribunale di Napoli su richiesta della Direzione Distrettuale Antimafia della Procura partenopea nei confronti di un 26enne del posto, Antonio Di Maro, già noto agli inquirenti per i suoi trascorsi penali, ritenuto responsabile del reato di spaccio di sostanze stupefacenti.

L’indagine condotta dal Nucleo Investigativo di Castello di Cisterna e coordinata dal P.M. dr. Giuseppe Visone, ha consentito di attestare una fiorente attività di spaccio di cocaina e hashish intrapresa da Di Maro dal giugno del 2018.

Nel corso dell’attività investigativa i militari hanno registrato anche alcuni messaggi sms “circolari” inviati dall’indagato ad una serie di numeri telefonici nei quali lasciava intendere ai suoi interlocutori di essersi rifornito di sostanza stupefacente: “sono operativo mi raccomando”. A tali sms, prontamente seguivano le richieste di incontri da parte di terzi soggetti, che spesso palesavano la volontà di acquistare sostanza stupefacente. Antonio Di Maro, già agli arresti domiciliari per altra causa, si trova adesso nel carcere di Secondigliano.